venerdì - 20 settembre 2019

array(2) { [0]=> string(7) "Cronaca" [1]=> string(11) "Università" }

HABEMUS RETTORE: FRANCESCO PRIOLO EST!

Giunto alle 18.04 l'atteso comunicato ufficiale del tormentato ateneo catanese: Il prof. Francesco Priolo è stato nominato rettore dell’Università di Catania per il sessennio 2019-25, con decreto del Ministro Lorenzo Fioramonti. La prof.ssa Vania Patanè sarà il prorettore vicario. A prescindere da ogni libera e legittima considerazione, questa testata augura ai nuovi vertici ogni fortuna per consentire all'Università di Catania, massima istituzione formativa e culturale della nostra comunità, ogni fortuna: non crediamo molto ai miracoli, ma confidiamo fermamente nel motto laico "Volere è Potere". In bocca al lupo di cuore a tutta la comunità accademica...quasi tutta.
array(1) { [0]=> string(7) "Cronaca" }

Legambiente Catania non partecipa alla Settimana Europea della Mobilità: “Basta eventi spot”

Le notizie potrebbero essere due e contrastanti tra loro: gli enti istituzionali, Comune e Università, partecipano come ogni anno alla Settimana Europea della Mobilità con alcune iniziative di sensibilizzazione. Mentre decide la provocazione una delle più importanti associazioni ambientaliste italiane, Legambiente, che chiede impegni precisi per una città in cui proprio la mobilità è diventato uno dei temi cruciali.
array(1) { [0]=> string(7) "Cronaca" }

La Squadra Mobile di Catania becca 40 spacciatori dei clan Cappello e Cursoti milanesi

Li hanno seguiti per mesi, video ripresi nelle vie cittadine e persino nelle loro case mentre spacciano droga a quella massa di mentecatti che essendo delle nullità non trovano di meglio che sballarsi ingrassando mafia e delinquenti vari che distruggono economia e tenore di vita sano di un'intera comunità. In mattinata le autorità forniranno i dettagli della brillante operazione della Squadra Mobile di Catania. Plauso alle Forze dell'Ordine il cui impegno resta però vano finché ci saranno norme inadeguate e, soprattutto, troppi cretini in giro!

Il Boschetto è salvo, ma il Comune ha rischiato di non accorgersi della svendita

Soltanto dopo l'attenzione mediatica e l'intervento personale del sindaco Salvo Pogliese si è potuto impedire l'ennesimo scempio. Ma si è rischiato grosso perché qualcuno negli uffici comunali si è "distratto". Il Boschetto della Plaia alla fine non sarà venduto a privati. Ed è una buona notizia. Ma dietro a questa buona notizia c'è la conferma dell'incapacità/negligenza di alcuni funzionari comunali e questo non è mai un buon segno

UNICT: il Decano Di Cataldo chiede la grazia a Maggio e Toscano

All'indomani dell'ordinanza del TAR, il Decano Vincenzo Di Cataldo ha diffuso una nota interessante (per stile e contenuto) che, nel mistificare l'esito della decisione (usa le locuzioni fuorvianti "non ha accolto...ha preferito fissare celermente...") e tacendo sul fatto inconfutabile che il TAR, al contrario di come vuol far credere la nota, quel ricorso lo ha già ritenuto "apprezzabile favorevolmente" tanto da fissare l'udienza di merito a breve espressamente ex art.55 c.è.a. , "invita" i due Colleghi ricorrenti (testualmente ed ineditamente maiuscolo nella nota) a "chiudere" le iniziative giudiziarie, (evidentemente per niente peregrine) provando per di più a smarcarsi "da vertici ormai lontani dell'Ateneo", riferendosi chiaramente ai soggetti travolti dalla prima puntata dell'indagine giudiziaria "Università Bandita". Vedremo se finisce a "tarallucci e cattedre"...

UNICT: bomba del TAR che ritiene “apprezzabili favorevolmente” le ragioni del ricorso per l’annullamento delle elezioni del rettore

C'erano scommesse di tutti i tipi sull'esito del ricorso presentato dai docenti Lucio Maggio e Attilio Toscano assistiti dagli avvocati Dario Riccioli e Attilio Toscano che chiedono l'annullamento degli atti compiuti dal Decano dell'Università di Catania Vincenzo Di Cataldo che hanno portato all'elezione, non ancora ratificata dal ministro, del prof. Francesco Priolo a Magnifico Rettore. A quanto pare si è segnato un punto pesante per chi sostiene l'illegittimità delle elezioni. Il TAR, con una raffinata decisione, ha deciso che "risultano apprezzabili" le ragioni del ricorso ma meritano un approfondimento nella sede di merito fissando udienza a breve per il prossimo 16 gennaio. E le scommesse ripartono...Mettiamo a disposizione degli appassionati tutti gli atti del procedimento, compreso il verbale dell'ultima udienza del 22 settembre...

Si è spento Toni Licciardello, storico presidente degli architetti catanesi

L'arch. Antonio Licciardello, che tutti conoscevano come Toni, un libero professionista di grande esperienza, ha dedicato straordinaria passione alla rappresentanza della categoria degli architetti, prima come Segretario per tanti anni, poi da Presidente dell'Ordine della Provincia di Catania. Ha ricoperto prestigiosi incarichi sia regionali, quale Presidente della Consulta degli Ordini degli Architetti di Sicilia, sia Nazionali, quale delegato della Cassa di Previdenza INARCASSA. Una prestigiosa traiettoria trentennale, per accumulare una grande memoria storica delle Professioni Tecniche della città di Catania e dell'intera Sicilia, che si è fermata improvvisamente lasciando ai tanti colleghi che lo hanno stimato un'enorme patrimonio di competenze ed impegno per tutta la categoria. Alla famiglia le condoglianze più affettuose di questa testata. L'ultimo saluto alle 15.30 di mercoledì 18 settembre parrocchia Maris Stella, via Plutone 1 zona Rotolo di Catania.

Ma perché cittadini disabili e le loro famiglie devono essere trattati così male?

Ma è mai possibile che non si riesce ad organizzare un servizio così banale come il trasporto degli studenti che ne hanno bisogno? Ma è possibile? OGNI ANNO, OGNI ANNO, OGNI ANNO, e da troppo tempo, É LA STESSA STORIA: drammatica, avvilente, scandalosa, vergognosa per chi non riesce a trovare una soluzione adeguata. Ogni anno, all'inizio della scuola, si assiste allo stillicidio di notizie circa il ritardo di servizi essenziali di DOVEROSA ASSISTENZA che impediscono ad alcuni membri della nostra comunità di vedersi assicurare diritti che sono più che legittimi. Ed è solo la punta di un iceberg fatto di incapacità inefficienza, disumanità. Cavolo, non si tratta di "concessioni", di "favori": OLRE CHE UMANI, SONO DIRITTI COSTITUZIONALI!!! Chi rappresenta lo Stato, anche nelle sue articolazioni locali, ha il DOVERE, appunto costituzionale, se proprio non lo sente a livello umano, di rimuovere tutti quegli ostacoli che impediscono ad alcuni cittadini di essere "eguali agli altri", almeno nei "punti di partenza": siamo all'ABC della Civiltà, e invece niente, degli inutili poltronai con interi uffici pubblici che rubano gli stipendi! Pubblichiamo quindi integralmente, (e ci mettiamo la firma di tutte e tre le nostre testate), il manifesto delle associazioni che hanno organizzato la mobilitazione generale per lunedì 16 settembre ore 9.00 piazza Università di Catania. Non è la prima e non sarà purtroppo l'ultima, ma chi deve sappia che deve provare vergogna! 

Svendita Boschetto Plaia: lo stop del sindaco Pogliese e le altre reazioni

Abbiamo dato notizia della messa in vendita da parte del Demanio dello Stato di un'ampia porzione del Boschetto della Plaia, recentemente e "significativamente" interessato da uno strano incendio. Dopo la denuncia del consigliere comunale Graziano Bonaccorsi ripreso dal movimento civico Catania Bene Comune, sta emergendo l'opposizione della Città alla scellerata intenzione, tra tutte quella del sindaco di Catania che annuncia l'attivazione dell'amministrazione comunale per impedirla.

Ma che combinano all’Agenzia del Demanio? Svendono un pezzo del Boschetto della Plaia! Ma sono fuori di testa?

La domanda principale è: "MA PERCHÉ???" Già qualche giorno fa Sudpress si è occupato di una storia assurda: un'immobile di proprietà del Demanio, quindi pubblico, concesso a titolo gratuito o quasi ad un'associazione privata che lo ha affittato a caro prezzo all'ente pubblico ERSU. Abbiamo recuperato qualche carta, grazie alla disponibilità dell'attuale amministrazione dell'ente universitario,  e la stiamo studiando...Adesso quest'altro incredibile caso sollevato prima con un post su FB dal consigliere comunale dei 5Stelle Graziano Bonaccorsi  e subito rilanciato dal movimento civico antagonista Catania Bene Comune. Catania è proprio una città andata... 

Torna la meraviglia di Ursino Buskers: dal 19 settembre con Gammazita “L’Arte non ha confini”

C'è chi sceglie di cambiare città e chi, invece, di cambiare la città: a questi, quando possiamo, dedichiamo l'apertura del giornale. Perché la denuncia rigorosa, costante, rischiosa di una testata d'inchiesta deve servire soprattutto ad isolare profittatori e parassiti per restituire spazio alla gente bella di questa comunità. Quello che ogni anno viene realizzato dagli attivisti di Gammazita, "cittadini del mondo" residenti nel quartiere Castello Ursino di Catania, diventati attivisti per amore della vita e rispetto dei luoghi in cui questa si svolge, è ormai un miracolo che si ripete ogni settembre. Quando hanno iniziato questo magico festival dell'Arte Libera, quel quartiere era praticamente quasi off limits, oggi diventa un meraviglioso palcoscenico a cielo aperto e lo resta tutto l'anno con le decine di locali che ospitano tutta quella "gioventù senza età" che si nutre di arte, accoglienza, curiosità, rispetto. La sesta edizione del Festival internazionale di arti di strada di Catania è alle porte: dal 19 al 22 settembre 2019 l’arte protagonista nel quartiere del Castello Ursino. Il programma del Festival Ursino Buskers 2019 EVVIVA GAMMAZITA. (PDR)

Pazzesco: ad UNICT non riescono neanche a costituirsi in giudizio!

Altro che cadono le braccia...Era attesa l'udienza innanzi ai giudici del TAR di Catania che devono decidere sul ricorso che i docenti Lucio Maggio e Attilio Toscano hanno presentato per far dichiarare illegittime le elezioni del rettore indette dal Decano Vincenzo Di Cataldo in pieno agosto. Tanto attesa che a tutt'oggi il ministro non ha ancora firmato il decreto di nomina del rettore eletto Francesco Priolo. Gran protagonista dell'udienza camerale del 12 l'Avvocato Capo dell'ateneo catanese Vincenzo Reina che si è distinto per eleganza ed efficienza. Nel frattempo si è anche riunita la Commissione Elettorale che ha respinto un altro ricorso con il presidente Di Cataldo che...ha deciso su sé stesso...

Ma io non lo sapevo che Carmelo Stivala fosse l’artista e mecenate Karmì…Venerdì 13 opening collettiva

Penso di conoscere Carmelo da una quarantina d'anni e lo ricordo da sempre con Simona che poi è diventatta sua moglie e compagna d'avventure e, giuro, non sapevo, sarà l'effetto del rimbambimento, che oltre ad essere un affermato imprenditore persona davvero gradevolissima e solare, è anche un artista con l'impegno mecenatico di aver messo su a San Giovanni la Punta Mudea, uno spazio molto suggestivo dedicato all'arte contemporanea ...venerdì 13 a partire dalle 19 opening della collettiva Imago Est, oltre i vostri occhi Un percorso emotivo tra differenti espressioni d’arte", via Volta 2, S. Giovanni La Punta, Catania. Ingresso gratuito.

SAC-Aeroporto, pesante denuncia della CGIL: “Gestione padronale, struttura fatiscente, nomine che stupiscono…”

I sindacati dei trasporti chiedono un "deciso cambio di passo non più derogabile" nella gestione dello scalo aeroportuale catanese,  che è una società di proprietà interamente pubblica, "pena pesanti conseguenze sul piano del funzionamento dello stesso aeroporto." A sostenere la gravità della situazione la presenza il prossimo 17 settembre del leader nazionale della CGIL Maurizio Landini che parteciperà all'assemblea dei lavoratori.

Si è concluso il Sicily Magic Fest, il Mago Dimis già a lavoro per l’edizione 2020

Da un'idea di Dimitri Tosi, alias Mago Dimis, dal 31 agosto all'8 settembre la città di Catania si è avvicinata al mondo della magia con la prima edizione del Sicily Magic Fest. Un festival di magia tutto siciliano che, con 9 giorni di spettacoli diversi, ha permesso a grandi e piccini di conoscere l'arte dell'illusionismo

UNICT, l’avvocato capo Reina smentisce Sciuto: non era lui a dargli dell’imbecille…e in effeti Reina sta attento al telefono…

Allora, le varie "conversazioni" intercettate dalla DIGOS tra personaggi vari dell'Ateneo di Catania stanno scatenando un putiferio. Quella che vede protagonisti l'esimio prof. Giovanni Monaco con l'avvocato capo dell'ateneo catanese Vincenzo Reina avente ad oggetto il ricercatore Sciuto che si becca un "imbecille" pare sia stata mal trascritta nell'ordinanza del GIP ed a pronunciare l'ingiura non sarebbe stato Reina ma Monaco. Ne diamo quindi correttamente conto, anche se per noi la notizia era la risposta di Sciuto. E con l'occasione abbiamo trovato altro...

Camera di Commercio: i soldi (PUBBLICI) all’associazione della famiglia…AGEN

Cominciamo a capire perché, in barba al principio di trasparenza, le delibere assunte dagli amministratori pro tempore della Camera di Commercio del Sud Est (Catania, Ragusa e Siracusa) dopo appena una settimana di pubblicazione letteralmente spariscono...

Ispezione della DIA alla Sicula Trasporti, la mega discrica della famiglia Leonardi

Con un comunicato delle 13.38 la Direzione Investigativa Antimafia da notizia che è in corso l’attuazione di un accesso ispettivo disposto dalla Prefettura di Catania, ai sensi dell’art. 93 del Decr. Lgs 6 settembre 2011, n.159 (Codice Antimafia) presso la sede legale e le sedi operative (gli impianti di smaltimento ubicati in Contrada Coda Volpe e nella zona industriale e la discarica ubicata in località grotte San Giorgio) della società SICULA TRASPORTI s.r.l., operante nel settore dello smaltimento dei rifiuti. L’accesso è stato definito in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

La catanese Videobank lascia SKY che vuole risparmiare su lavoratori e qualità. E noi risparmiamo sull’abbonamento!

A diffondere la notizia è stata la testata nazionale Il Quotidiano del Lavoro, Rassegna Sindacale fondata niente meno che dal grandissimo Giuseppe Di Vittorio, tra i più illuminati sindacalisti e politici della storia moderna: cogliamo l'occasione della brutta vicenda che stiamo per affrontare per un omaggio ad un grande leader, di quelli la cui mancanza, al di là delle posizioni e culture di provenienza (e quella di chi scrive ne è parecchio lontana) oggi si sente in maniera drammatica. Ma vediamo cosa è accaduto alla grande azienda di Belpasso Videobank, leader europea nei servizi di broadcasting video che ha dovuto interrompere l'appalto che conduceva da 6 anni con la piattaforma SKY provocando il licenziamento di 46 padri di famiglia.

“L’imprenditore dell’Etna” Francesco Russo Morosoli rinviato a giudizio

L'ex editore di Ultima TV, adesso chiusa, è accusato anche di estorsione ai suoi ex dipendenti. Inoltre viene rinviato a giudizio con altre 17 persone per corruzione e turbativa d'asta in affari relativi alla gestione in monopolio dei servizi di trasporto e risalita sull'Etna. 

Credici! L’arte di trasformare i problemi in opportunità al Sicily Magic Fest con Walter Klinkon

Un modo diverso di concepire la magia, che diventa in Klinkon connubio di speranza, perseveranza e caparbietà.

“Università Bandita” e “Banditi Universitari”

Se ieri abbiamo sorriso (amaro) con l'elegante risposta che il ricercatore dell'Università di Catania Francesco Sciuto ha dato all'attuale Avvocato Capo Vincenzo Reina che gli dava dell'imbecille senza neanche conoscerlo, oggi segnaliamo alcuni passi della monumentale ordinanza del GIP sull'inchiesta della DIGOS "Università Bandita": ancora in molti, in troppi all'interno e fuori dell'Ateneo, alcuni anche in buona fede, tendono a minimizzare, a ritenere che "certe cose si sono sempre fatte", "che tutto sommato cosa c'è?". MINCHIATE, QUESTO È UNO SCHIFO! E si tratta di crimini che hanno distrutto persone, famiglie e intere generazioni di studenti che avevano il diritto di essere formate da persone perbene. E ora che si cominci a vergognare chi ancora minimizza, anche quelli in buona fede perché a fronte di queste letture la "buona fede non è più sostenibile.

UNICT: l’avvocaticchio quaquaraqua e l’eleganza dell’Imbecille

Gli atti dell'indagine "Università Bandita", al di là della loro rilevanza penale, espongono uno spaccato di vita della comunità in cui la più importante istituzione culturale e formativa risulta trasformata per anni in una sorta di sezione speciale di quell'enorme manicomio criminale che è diventato Catania.

Aria pesante in Camera di Commercio SudEst: dipendenti in rivolta e nuova diffida della consigliera Di Mattea

Si alzano i toni e diventano ufficiali e molto concrete le perplessità che stanno crescendo intorno alla gestione dell'importante ente pubblico, e stavolta non si tratta degli scontri di potere tra fazioni contrapposte che hanno caratterizzato gli ultimi anni. Ad uscire allo scoperto in maniera plateale proprio quelli che meglio di tutti conoscono le dinamiche ed i problemi interni: sono infatti ben 42 su 59 i dipendenti della sede di Catania che hanno firmato una lettera molto allarmata che mette in mora l'amministrazione. Ne prende spunto la neo consigliera Di Mattea, rappresentante dei consumatori, che, dopo gli atti ispettivi subito avviati con i 4l suo insediamento, arriva a diffidare il segretario generale dal compiere atti finanziariamente insostenibili contenuti nel piano triennale che a quanto pare è stato approvato dalla giunta senza la necessaria copertura e nonostante questo sono stati pubblicati avvisi a pagamento su alcuni quotidiani per l'acquisto di un immobile da adibire a ente fiera. Pubblichiamo lettera integrale dei dipendenti, risposta del presidente Agen, controrisposta dei dipendenti. Nei prossimi giorni proveremo a capirci di più...

La Camera di Commercio del SudEst tra debiti e poltrone: e scatta l’atto ispettivo

Le "poltrone", lo abbiamo visto anche recentemente con il caso Sac Service, continuano ad auto assegnarsele, addirittura producendone anche quando non occorrerebbero, tra consiglieri della stessa Super Camera che si incollano nei vari consigli di amministrazione delle svariate società che controlla, a loro volta fucine incontrollate di appalti milionari, gestione di personale e consulenze a iosa non di rado bizzarre. Nel frattempo resta misterioso il ruolo svolto sul territorio da questo elefantiaco ente che opera in un regime di trasparenza vicina allo zero e continua ad indebitare le proprie casse (pubbliche) senza che si intraveda una soluzione: in ultimo il presidente Pietro Agen, assumendo i poteri della giunta (che ha poi ratificato), ha aumentato l'indebitamento a breve di oltre 2 milioni di euro portando a 6 milioni l'utilizzo dell'anticipo di tesoreria, con un costo presunto per interessi bancari in pochi mesi di ben 61 mila euro. Chiesta relazione motivata da parte del Collegio sindacale.

Archiviata la denuncia dell’interdetto Giacomo Pignataro contro Sudpress e il prof. Beppe Condorelli

Di Pignataro, Giacomo, il noto peggior rettore di tutti i tempi della povera Università di Catania, abbiamo scritto a fiumi, quasi quanto ne hanno poi scritto gli investigatori della DIGOS ed a seguire la Procura di Catania che ne ha chiesto l'arresto ed infine, per il momento, il GIP che ne ha comminato l'interdizione ancora in corso. Ma nell'ottobre del 2016 questo personaggio si sentì leso nella "reputazione e nell'onore" da un commento pubblicato come articolo su questa testata e, assistito dal solito prof.avv. Giovanni Grasso, denunciò il nostro affezionato prof. Beppe Condorelli e questa testata in sede civile e penale: il Giudice Marina Rizza ha deciso chi aveva ragione.  

La Camera di Commercio SudEst il nuovo poltronificio catanese? Il caso SAC Service

Riceviamo e pubblichiamo una segnalazione confidando in una pronta replica e precisazione cui daremo ovviamente il giusto spazio. Quanto sostenuto è di sicura rilevanza e da alcune ulteriori informazioni ci risulta in effetti convocata per le ore 11 di questo martedì 27 agosto l'assemblea dei soci della SAC Service srl, una società pubblica che gestisce alcuni servizi in house per conto del suo socio unico, la SAC spa, a sua volta controllata dal socio di maggioranza assoluta Camera di Commercio del SudEst. L'indiscrezione riguarderebbe la decisione di sostituire l'attuale amministratore unico (che è un dirigente SAC) con un consiglio di amministrazione con nominati che afferirebbero, tanto per cambiare, sempre alla stessa Camera di Commercio. La segnalazione espone alcune problematiche in ordine ad opportunità, tempi e requisiti dei nominandi ma anche sulla serie di consulenze che, in alcuni casi, raddoppiano i costi per gli stessi consulenti già remunerati da SAC. Questo vedremo di verificarlo, intanto aspesttiamo notizie delle nuove nomine...

In evidenza

Copertina

L’Italia, il paese delle meraviglie

È un momento davvero molto delicato per questa Repubblica che ormai fa acqua da tutte le parti. Mentre la crisi di governo più grottesca che si potesse immaginare dipana i suoi riti verso una soluzione che, qualunque sia, aprirà scenari in ogni caso avventuristici e molto probabilmente persino avventurieri, noi per questa vigilia di Ferragosto offriamo ai lettori "adulti" di Sudpress la riflessione con cui apre il nostro youngmagazine Sudlife, con una riflessione della più giovane delle nostre firme, Antonio Catara, 18 anni appena compiuti: forse, mentre noi "esperti e sperti" siamo sempre più confusi e confusionari, provare a capire come i nostri ragazzi guardano a questo nostro paese a qualcosa può servire. Quanto meno a vergognarci. (PDR)

ERSU e la strana storia del “Lodo Arbitrale”

Di storie strane nei dintorni del  mondo universitario catanese ce ne sono, ne abbiamo raccontato e documentate a decine, costano milioni di euro ai contribuenti ed in particolare agli studenti, ma alla fine qualcuno ci guadagna sempre. Quella di cui ci occupiamo oggi è proprio strana e parte, o meglio finisce, con il decreto n.33 del 3 giugno 2019 del commissario straordinario dell'ERSU Catania Alessandro Cappellani. La storia ci pare interessante.

Il Corso Sicilia torna a splendere

In corso la serie di interventi straordinari per ridare dignità ad una parte di centro storico lasciata all'incuria più totale. Il Corso Sicilia verrà riconsegnato alla cittadinanza oggi dopo due giorni di grandi operazioni di pulizia dell'asse viario e dei portici sui quali insistono abitazioni ed esercizi commerciali e di scerbamento delle aree a verde. Un bel segnale, che speriamo non resti isolato

Volley femminile: a Catania l’Italia va a caccia del pass per Tokyo 2020

Nel capoluogo etneo la Nazionale di volley femminile disputerà il girone di qualificazione alle prossime Olimpiadi. Presenti tutte le stelle del team azzurro: grande attesa per la leader del gruppo Paola Egonu.

Speciale

Cronaca

Eventi

Sport

Al voto

Login Digitrend s.r.l