mercoledì - 13 novembre 2019

array(1) { [0]=> string(7) "Cronaca" }

Clamorosa sentenza che demolisce il “Sistema milionario dei ricoveri vuoto per pieno” del comune di Catania

Clamorosa in realtà non è tanto la sentenza quanto il fatto che ne sia dovuta intervenire una per smascherare un meccanismo che ha inghiottito e inghiotte tuttora centinaia di milioni di euro pubblici. Anche in questo caso ce ne siamo occupati più volte e a quanto pare avevamo più che ragione. Il sistema, delicatissimo, sotto esame è quello dei ricoveri presso strutture "convenzionate" di persone bisognose: un obbligo di legge oltre che umanitario da parte degli enti locali che però si trasforma in uno dei business più lucrosi che si possa immaginare. Al centro della vicenda che raccontiamo oggi l'Associazione Villa Regina di cui abbiamo scritto più volte perché coinvolta in diverse storie tutte molto interessanti, anche di natura elettorale e alcune delle quali ancora da chiarire, ma in realtà riguarda decine di strutture che "lavorano" con il comune di Catania. 
array(2) { [0]=> string(7) "Cronaca" [1]=> string(8) "Politica" }

I neo renziani arrivano all’ARS: mancavano

È solo una "foto-notizia tratta" dal comunicato stampa appena giunto in redazione. Quale sia la notizia lo lasciamo ai lettori.
array(1) { [0]=> string(7) "Cronaca" }

I soldi della Camera di Commercio al “Gruppo Agen” e il falso confessato su FB

Non c'è che dire, per un giornale d'inchiesta gente come la famiglia Agen se non ci fosse bisognerebbe inventarla: ogni volta che aprono bocca in divertentissime "interviste" (chiamiamole così) o scrivono qualcosa su FB si apre un mondo. L'ultima è una sorta di replica che Vasco Agen, figlio di Pietro presidente della Camera di Commercio del Sud Est, ha rassegnato in un lungo e dettagliato post su FB, con relativi compiaciuti like, tra i quali quelli dei due nipoti Lucarelli, Simone assunto alla SAC e Fabio che dall'associazione ha ricevuto circa 8 mila euro. In questo post tratta l'ormai nota vicenda del contributo di 15 mila euro che l'associazione della sua famiglia (composta oltre che da lui anche da suo papà Pietro, mamma Sebastiana, sorella Brenda e moglie Giusy) ha ottenuto dalla Camera di Commercio di cui papà suo è presidente. Molto interessante l'estratto conto che allega, ma ne parleremo in seguito. Intanto Vasco Agen ci accusa di ben 5 falsi: li smonteremo uno ad uno e cominciamo dal primo. Che è gravissimo, ma niente in confronto a quello di cui scriveremo nei prossimi giorni. PS: i pezzi sono già scritti e programmati ed i documenti a sostegno già depositati, a scanso di "equivoci"! 

Camera di Commercio: 10 mila euro per due pareri legali sullo stesso argomento. E ci piacerebbe tanto leggerli…

Per la precisione si tratta di 9 mila 513,80 euro di soldi pubblici a valere sul bilancio della Camera di Commercio. Certo, in confronto a quello di cui abbiamo già scritto e di quello che abbiamo scoperto e scriveremo nei prossimi giorni, possono apparire quasi una banalità. Invece è proprio un'enormità, comunque la si giri...

L’ On. Buffagni visita l’Oratorio “Le Salette”: “Un progetto importante da tutelare”

Ad un anno dalla sua creazione, il progetto pedagogico "Un'opportunità educativa per essere migliori" sembra già avviato verso il raggiungimento di grandi risultati. Tanto che anche l'On. Stefano Buffagni, Viceministro allo Sviluppo Economico e presidente del Fondo che finanzia il progetto, ha evidentemente deciso di andare ad appurarlo con i propri occhi, chiedendo un incontro con i responsabili e gli operatori dell'iniziativa. Noi di Sudpress c'eravamo, e possiamo dirvi che in cantiere ci sono delle novità ancor più positive.

Primato al Sud per le povertà educative. A Messina meno di 5 posti ogni 100 bambini. Asili nido insufficienti ovunque!

L'Italia non c'è più: un paese devastato da decenni di gestioni ladre e incapaci che ne hanno smontato ogni pezzo e continuano a farlo impunemente. Nel Sud poi la canaglia impera in ogni settore. In Sicilia ed a Catania siamo oltre l'immaginazione, ogni giorno ne scopriamo una. L'analisi della presidente della onlus Mediterraneo Sicilia Europa Emma Averna ne analizza un aspetto che potrebbe apparire minore, l'assistenza alla prima infanzia, e invece le differenze che si registrano al Sud testimoniano una decadenza inarrestabile ascrivibile in primo luogo, con nomi e cognomi, a tutti, tutti i rappresentanti politici di questi ultimi 25 anni: Tutti. In secondo luogo a ciascuno di noi che continua a tollerare questa massa di imbecilli senza arte né parte che ci stanno condannando alla miseria ed alla guerra civile. (PDR)

Gaetano Zito e il “profumo di popolo”: ad un mese dalla scomparsa il ricordo dell’amica giornalista suor Maria Trigila

Suor Maria è la prima religiosa iscritta all'ordine dei giornalisti ed in questa veste ce l'ha presentata mons. Gaetano Zito organizzando per i loro ragazzi salesiani palermitani un bel pomeriggio formativo presso la nostra redazione. Erano grandi amici e condividevano la missione straordinaria di portare cultura e amore soprattutto tra i giovani. Le abbiamo chiesto un contributo per mantenere viva l'attenzione su questa grande personalità che merita di veder proseguita la sua opera. (PDR)

Clamoroso: il rettore Priolo denuncia pubblicamente il direttore generale Bellantoni di falso

"Il presidente dà la parola al Magnifico Rettore che lo ringrazia per aver convocato questa Consulta e si scusa per la mancanza di un confronto con la componente studentesca che però non è dipeso da lui perché era stato informato dal Direttore Generale di aver già tenuto un confronto con i rappresentanti in Senato Accademico e in Consiglio d'Amministrazione sulla proposta di deliberazione quindi si sentiva tranquillo sul fatto che vi era stato un confronto su tale questione".

CamCom/Aeroporto, si stanno innervosendo troppo: velenoso attacco di Agen al presidente Musumeci

Ci sarà un motivo per cui sono sempre più nervosi, quasi come si toccasero "cose loro" e non beni e denari pubblici che meriterebbero qualche attenzione in più. Infatti, occupano in maniera più o meno rocambolesca ruoli pubblici ed escono di testa. Sinora gli unici beccati a dare incarichi, assunzioni, affidamenti e soldi pubblici ad amici e parenti sono proprio loro, addirittura con contributi ai figli che con qualche giretto finiscono sui conti correnti di famiglia. Sprechi incredibili di denaro pubblico che lasciano basiti, domani ne vedremo un caso da manuale. Eppure appena qualcuno avanza perplessità sui "percorsi" da loro intrapresi nella gestione di beni pubblici, scattano come serpenti a sonagli lanciando messaggi trasversali, indicando "nani e ballerine" che chissà perché si opporrebbero alle loro prodigiose visioni. L'ultimo attacco viene sferrato subdolamente al presidente della Regione Nello Musumeci, reo di aver stoppato l'iter di vendita dell'aeroporto in attesa di maggiore chiarezza.

Unict, salvi gli studenti: vittoria di Pirro per le casse dell’Ateneo

Gli studenti chiaramente esultano per il risultato portato a casa con la delibera approvata ieri in Consulta prima e in CdA poi. Lo stesso non può dirsi dell'Amministrazione d'Ateneo: con la delibera del 21 ottobre , illegittima e probabilmente anche illecita se è vero che fosse basata su una falsa informazione fornita dal direttore Bellantoni a rettore e CdA, pensavano di aver risolto i problemi legati allo sforamento degli indici finanziari anche per quest'anno. Ma avevano fatto i conti senza l'oste e adesso non gli resta che raccogliere le briciole

Il “Bucato d’Autore” in via santa Barbara il 7 e 10 novembre

White Sky (Cielo bianco) è il titolo dell'intervento di street art di Giuliano Cardella in via S. Barbara: un messaggio di unità che l'artista bresciano lancia rendendo artistica quella stesa di biancheria che accomuna i popoli di tutto il mondo con un gesto tanto quotidiano quanto significativo. Opening giovedì 7 novembre ore 18 - domenica 10 novembre: due distinte feste offerte alla città dagli amici dell'associazione Acquedotte, con aperitv e performance che non guastano mai quando si parla di Arte.

Anche l’UDC protagonista di MuovitItalia, costituito il Comitato di Catania

Il segretario Lorenzo Cesa ha partecipato alla grande kermesse del centrodestra riunito a Catania e, per l’occasione, ha incontrato i componenti del neo costituito comitato comunale di cui fanno parte gli ex consiglieri Santo Di Benedetto, Salvo Furnari, Nino Sciuto, Carmelo Sgroi, Salvo Spadaro, Salvatore Tomarchio e Giovanni Vassallo.

“Lei è Giorgia”. Fratelli D’Italia a Catania per MuovitItalia19

Si è svolta ieri pomeriggio la prima giornata di MuovitItalia 2019 - Oltre il Muro. Per costruire la nuova Italia, presso l'Hotel Le Dune. La consolidata kermesse politica, che riunisce il movimento fondato da Salvo Pogliese e Basilio Catanoso  portato in dote a Fratelli D'Italia, ritorna per il quarto anno consecutivo a Catania stavolta per suggellare uno dei momenti più favorevoli degli ultimi anni per la Destra parlamentare. Fino a domenica hotel Le Dune viale Kennedy 10 zona Plaia.

Catania, orrore per anziana sequestrata per strada, rapinata e abbandonata ferita: GRAZIE AI CARABINIERI

Un vigliacco, Simone Spanò, ha fatto salire in auto con un raggiro una povera signora, portata in campagna, rapinata e abbandonata ferita a terra. I Carabinieri lo hanno individuato grazie alle telecamere di sorveglianza e arrestato.

Le Vie dei Tesori, chiusura da record: 307 mila visitatori in cinque weekend

Questo finesettimana, in 57 mila hanno scelto Palermo e oltre 6 mila Catania. A Palermo, la chiesa e  il monastero di Santa Caterina sono i luoghi più visitati, a Catania Palazzo Biscari e la chiesa di San Nicolò L’Arena. 

Il Rettore Priolo ringrazia il direttore dimissionario Bellantoni per i bei risultati…

E che risultati...All'ordine del giorno di questo martedì 5 novembre si riparlerà della brutta storia delle tasse studentesche anticipate con un sotterfugio e anche del "rendimento" del Direttore Generale appena dimesso Candeloro Bellantoni al quale i consiglieri riconosceranno un bel premio in denaro: per i "risultati" del periodo 1/07-31/12 2017, quindi solo sei mesi, gli sono stati riconosciuti 16.426 euro che hanno portato la sua retribuzione nel 2018 a 188.426 euro  (CENTOOTTANTOTTOMILA426).  Vedremo quest'anno. Intanto sulla questione tasse studentesche la pezza è peggio del buco. Le scuse del Rettore agli studenti nel corso della scorsa riunione di Consulta non fanno che confermare quale gestione scellerata abbia avuto fino ad oggi il nostro Ateneo. Priolo chiede scusa e dice di voler cambiare rotta rispetto alla "situazione ereditata", ma le premesse...

SUDPRESS ENTRA NEL SUO DECIMO ANNO DI INCREDIBILE SUCCESSO…

... E CHI L'AVREBBE DETTO...adesso siamo addirittura in tre con SudStyle e SudLife. Dieci anni straordinari in cui abbiamo squassato con le nostre inchieste i centri di un potere cannibale e parassitario che ha ridotto una città meravigliosa in fogna a cielo aperto di miseria, violenza, bruttezza con tutti i nostri ragazzi costretti a scappare. Continueremo a non stare zitti e a denunciare sempre in maniera rigorosa e documentata, continueremo a non accettare che imbecilli inadeguati segnino il destino delle future generazioni come continueremo a dare voce alla bellezza di quelle persone meravigliose che pure sono tante, non si arrendono ed hanno solo bisogno di mettersi insieme: LA "CITTÁ BUONA" che prenda lo spazio di quella "CATANIA BENE" colpevole di ignavia e complicità. Grazie a tutti quelli che sono passati dalle nostre redazioni, anche i peggiori, che ci hanno insegnato a tenere gli occhi aperti per difendere la nostra indipendenza, la nostra reputazione, la nostra autorevolezza. Grazie a tutti i nostri Direttori, quelli che abbiamo amato e quelli che abbiamo sopportato. Grazie a tutti i collaboratori che con noi sono cresciuti, che tanto hanno imparato e tanto ci hanno insegnato. Grazie a tutti i nostri errori, che ci hanno insegnato a rimanere umili e sempre disponibili a cambiare idea se la nostra è sbagliata. Grazie alle migliaia di lettori che attendono le nostre aperture e grazie a queli che dicono di non leggerci e sono i primi la mattina. Grazie a Danila Corona, la nostra super creativa che con un wapp notturno riesce ad interpretare quello che vogliamo e ci ha consentito in tempi record a colorare la città con i nostri "antichi" cartelloni.  Grazie a noi che abbiamo resistito alle minacce, alle decine di querele, ai tentativi di comprarci. Grazie a Catania, la città più bella del mondo, in cui si può sciare e poi fare il bagno a mare in 20 minuti, grazie davvero perché risorgi sempre migliore nonostante tutta questa gente assurda che ti ha mangiato viva. AUGURI CATANIA...DA SUDPRESS.

Policlinico Catania: per il rettore Priolo va tutto bene e conferma 16 direttori…senza selezione

Possibile che di 16 (SEDICI) direzioni in scadenza non ve ne sia una (UNA) in cui sarebbe stato opportuno un cambiamento? Altro che "continuità", pare proprio sia in atto un processo di vera e propria "restaurazione". Ed è proprio singolare che si decida di "non cambiare niente" in una realtà sanitaria che, stando alla recente classifica governativa, è la peggiore d'Italia, superata in peggio solo dalla Calabria. L'ennesima occasione per capire cosa sta accadendo ai piani alti di Unict è contenuto nella nota prot. 314288 del 28 ottobre indirizzata dal rettore Francesco Priolo al direttore generale ff. del Policlinico Giampiero Bonaccorsi. Oggetto: "Richiesta individuazione Responsabili Strutture Complesse universitarie vacanti - riscontro"

Rinviati a giudizio ex vertici ospedale Garibaldi: ennesimo caso sollevato da Sudpress nel 2015

In redazione cominciamo a non contare più i casi svelati da Sudpress che finiscono sotto la scure del giudice penale: festeggeremo solo quando il numero delle condanne di cattivi amministratori supererà quello delle decine di querele temerarie che subiamo costantemente e per le quali finalmente cominciamo, grazie all'indefesso lavoro del nostro avvocato Emanuela Fragalà, ad ottenere il risarcimento per il tempo che fanno perdere a noi ed alla Giustizia. Guarda caso l'ultima che ci hanno notificato ci è stata intentata da uno degli odierni imputati: un caso che, mentre gli altri dormivano e oggi copiano e incollano, abbiamo raccontato nel lontano 2015.

Teatro Massimo Bellini: la musica riparte…ma non basta

Si deve all'abnegazione del neo Commissario Straordinario Daniela Lo Cascio, sostenuta dall'assessore regionale al Turismo Sport e Spettacolo  Manlio Messina anch'egli di recente nomina, se si è scongiurato l'ennesimo crimine ai danni della comunità catanese: la chiusura del Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania. In poche settimane sono riusciti a mettere un punto ad anni di gestione inconcludente e confusionaria, che ha portato l'Ente regionale ad un passo dal fallimento: adesso occorre chiarezza su quanto accaduto e sulla reale situazione finanziaria, accertando tutte le responsabilità di una situazione indecente. Dopo una mobilitazione che è stata davvero mondiale, con appelli lanciati dai più importanti artisti internazionali per il suo salvataggio, è stato dato l'annuncio che, con il ripristino dei fondi da parte della Regione, la programmazione lirica e sinfonica 2019 sarà regolarmente portata a termine entro l'anno con il balletto Night Garden, la rossiniana Cenerentola e i concerti di novembre e dicembre. Ma non basta: occorre che ci si renda conto che su Arte e Cultura si deve investire molto di più e in maniera responsabile ed intelligente, per rilanciare un settore strategico necessario ad incrementare ed alzare lo standing turistico ed al contempo svolgere una indispensabile funzione sociale. Trai primi appuntamenti il concerto belliniano del 2 e 3 novembre e il Requiem di Mozart in memoria del tenore Marcello Giordani. Intanto grande attesa per la nomina del nuovo Sovrintendente, e poi a dicembre quella di un nuovo direttore artistico, che saranno il vero segnale per capire se si vuole davvero cambiare regime per far ripartire la Musica del Bellini o continuare a galleggiare nell'asfissia come fatto negli ultimi anni. (PDR) AGGIORNAMENTOIN CALCE LE NUOVE DATE RIPROGRAMMATE PER GLI ABBONATI E QUELLE PER GLI ALTRI EVENTI. 5 novembre concerto memoria Marcello Giordani ingresso gratuito.

Brutta figura del Rettore, la Consulta dichiara illegittima la sua delibera

Due ore di incontro, alla presenza del Magnifico Rettore, della ProRettrice e del Delegato alla Didattica, che si concludono con una sonora batosta per il Rettore e per il provvedimento mascherato da "interpretazione autentica" della Carta dello Studente. La Consulta degli Studenti chiede tassativamente l'annullamento della delibera che anticipa a dicembre il pagamento del contributo minimo previsto per febbraio perché ritenuta illegittima in quanto "errata nella forma e nel merito"

Galleria Cartabianca: in mostra le incisioni di Pablo Picasso e la bella storia di “un catanese a Parigi”

Nella galleria di Francesco Rovella Carta Bianca in via Francesco Riso 72 sino al 23 novembre una mostra di incisioni di Pablo Picasso con il cameo di una bellissima storia, di arte e di passione, che ha come protagonista un giovanissimo catanese, Nino Giuffrida, trasferitosi nel primo dopoguerra a Parigi dove, dopo aver vissuto per anni come artista, decide di aprire una galleria, prima in Costa Azzurra e poi, di ritorno nella sua amata Parigi, in place Vendôme, una delle piazze simbolo della bellezza della capitale francese.

La Camera di Commercio, il contributo all’associazione della famiglia Agen e i bonifici…alla famiglia Agen

A volte le cose più interessanti nascono da un "nonnulla", magari ascoltando una specie di "intervista" con dichiarazioni strampalate che incuriosiscono inducendo ad approfondirleAbbiamo già scritto di un contributo pubblico di 15 mila euro che la mega Camera di Commercio del Sud Est presieduta dall'assonnato Pietro Agen ha concesso ad una associazione privata presieduta dal figlio Vasco Maria Agen. Per capirne qualcosa di più abbiamo dovuto fare i salti mortali perché, abbiamo scritto anche questo, lo stesso presidente Agen ha molto maldestramente tentato di nascondere gli atti negandoci illegittimamente l'accesso agli atti che poi siamo riusciti, nonostante lui, a portare a termine: e quella documentazione è una miniera per chi assonnato non lo è per niente come anche per quanti vogliono svegliarsi rispetto a quello che sta accadendo a Catania da troppo tempo.

Unict e tasse anticipate: il Rettore sospende il provvedimento senza sospenderlo

Il video del rettore che annuncia "l'illegittima sospensione di un provvedimento illegittimo" sembra un pezzo di "Scherzi a parte" ed invece è proprio vero, lo abbiamo verificato...Modificano le scadenze per il versamento delle tasse ad anno accademico bello che iniziato e, per di più, lo fanno senza il parere obbligatorio della Consulta degli Studenti. Nascondono la discussione del provvedimento in CdA dietro un ordine del giorno degno del dott. Azzeccagarbugli e adesso invocano  gli studenti alla "condivisione degli intenti". È proprio l' "Università delle meraviglie".

ConfCommercio: Pietro Agen, il complotto sventato contro il presidente Sangalli e la “TANGENTE DA TRE MILIONI DI EURO L’ANNO”

I circa 2 minuti di monologo di Pietro Agen che pubblichiamo oggi fanno parte di una più ampia intervista raccolta presso la sede della ConfCommercio di Catania, via Mandrà 8 (e vedremo quanto è "familiare" questo indirizzo) lo scorso marzo e l'avevamo cestinata perché ci era sembrata troppo banale, con i soliti slogan autoreferenziali sempre uguali che però in queste ultime settimane stiamo scoprendo tutti, ma proprio tutti, molto interessanti, a cominciare proprio dai primi minuti iniziali...

Vendita aeroporto Catania, denuncia dell’assessore Marco Falcone: “Percorso poco chiaro, non è un giocattolo per pochi”

E se il "percorso" di privatizzazione non ce l'ha chiaro neanche l'assessore regionale alle Infrastrutture e  Mobilità della Regione Sicilia c'è poco da stare tranquilli su quello che sta accadendo. Ancor di più se a capitanare l'operazione del secolo è Pietro Agen, il "massone in sonno" che è stato capace di far finire all'associazione del figlio i soldi pubblici della Camera di Commercio che presiede. Figuriamoci. Per non dire di quello che sta accadendo in termini di consulenze, contributi, affidamenti. Il paradosso è che gli stanno andando dietro inspiegabilmente e supinamente gli altri soci che, almeno in teoria, dovrebbero rappresentare gli interessi dei territori di Catania e Siracusa oltre che del governo regionale. L'allarme lanciato da Marco Falcone è particolarmente duro e, considerato il ruolo politico e istituzionale che ricopre, dovrebbe finalmente poter portare un contributo per strappare il giocattolo a chi sta giocando con BENI non suoi ma PUBBLICI!

Unict: i Baroni fanno cassa con i soldi degli studenti

200 euro per ogni studente irregolare, cioè che si trovi indietro con i CFU da conseguire per essere considerato in corso. A questo ammonta la cifra richiesta, senza preavviso e in anticipo, agli studenti dell'Ateneo di Catania. Scadenza 31 dicembre 2019 e il provvedimento riguarda una platea di oltre 12.000 studenti: un bel modo di chiudere un bilancio, da top management, certamente legale e trasparente...

Studenti contro Unict: “Il CdA ha violato lo Statuto d’Ateneo, provvedimento illegittimo”

Ancora una volta all'Università di Catania si applicano i regolamenti in modo "stupefacente". A mettere in luce l'irregolarità del provvedimento del Consiglio d'Amministrazione che anticipa il pagamento del contributo unico al 31 dicembre sono le associazioni studentesche. Altro che legalità trasparenza

Aeroporto Fontanarossa: “Sicuri che la ex Provincia può vendere le sue quote?”

Mentre per Comiso si paventa l'ingresso della Regione quale socio per dare nuova linfa alle disastrate casse della società di gestione, l'aeroporto di Fontanarossa lo si vuole privatizzare. Che gestione bizzarra. Vendiamo quello che ha i "numeri da record" e investiamo nuovo capitale in aeroporti che contano un volo giornaliero quando va bene. Oggi infatti si riunirà l'assembra dei soci SAC e pare che il sindaco Pogliese, in qualità di sindaco della Città Metropolitana voglia formalizzare l'adesione alla procedura di vendita delle quote azionarie dell'ex provincia. Peccato che la legge dica cose diverse sulla procedura...

Aeroporto Comiso, vogliono inghiottire ancora soldi pubblici ma trasparenza zero

3,5 milioni di euro di stanziamenti regionali e la richiesta di un ingresso in società della stessa Regione Siciliana con quote del 15 o 20%. Sono questi i risultati del "proficuo incontro" di lunedì mattina all’aeroporto di Comiso tra i vertici dell’Amministrazione Comunale, il presidente della Soaco Silvio Meli, il presidente della Sac Sandro Gambuzza, l’amministratore delegato Sac Nico Torrisi e il parlamentare regionale del Partito Democratico ed ex sindaco di Comiso Nello Dipasquale. Ma l'aeroporto di Comiso a che punto si trova?

UNICT AGAIN, il super caso Filippo Drago: da Direttore a Interdetto a Candidato Direttore

Se Catania è una città "magnifica", la sua Università, almeno quello che ne resta, lo è certamente di più: potremmo definirla "stupefacente". Accade infatti una roba incredibile proprio oggi, lunedì 21 ottobre, anticipata via mail domenica 20 ore 1. 42 e 33 secondi. Quasi alle 2 del mattino di un caldissimo sabato il prof. ordinario Filippo Drago informa il suo mondo che deve eleggersi il nuovo direttore del Centro di Ricerca è che il candidato è...lui! Stavolta quindi Drago si autocandida, mentre meno di 4 mesi fa era stato candidato nientemeno che dalla Procura della Repubblica di Catania...ALL'ARRESTO.

In evidenza

Copertina

L’Italia, il paese delle meraviglie

È un momento davvero molto delicato per questa Repubblica che ormai fa acqua da tutte le parti. Mentre la crisi di governo più grottesca che si potesse immaginare dipana i suoi riti verso una soluzione che, qualunque sia, aprirà scenari in ogni caso avventuristici e molto probabilmente persino avventurieri, noi per questa vigilia di Ferragosto offriamo ai lettori "adulti" di Sudpress la riflessione con cui apre il nostro youngmagazine Sudlife, con una riflessione della più giovane delle nostre firme, Antonio Catara, 18 anni appena compiuti: forse, mentre noi "esperti e sperti" siamo sempre più confusi e confusionari, provare a capire come i nostri ragazzi guardano a questo nostro paese a qualcosa può servire. Quanto meno a vergognarci. (PDR)

ERSU e la strana storia del “Lodo Arbitrale”

Di storie strane nei dintorni del  mondo universitario catanese ce ne sono, ne abbiamo raccontato e documentate a decine, costano milioni di euro ai contribuenti ed in particolare agli studenti, ma alla fine qualcuno ci guadagna sempre. Quella di cui ci occupiamo oggi è proprio strana e parte, o meglio finisce, con il decreto n.33 del 3 giugno 2019 del commissario straordinario dell'ERSU Catania Alessandro Cappellani. La storia ci pare interessante.

Il Corso Sicilia torna a splendere

In corso la serie di interventi straordinari per ridare dignità ad una parte di centro storico lasciata all'incuria più totale. Il Corso Sicilia verrà riconsegnato alla cittadinanza oggi dopo due giorni di grandi operazioni di pulizia dell'asse viario e dei portici sui quali insistono abitazioni ed esercizi commerciali e di scerbamento delle aree a verde. Un bel segnale, che speriamo non resti isolato

Volley femminile: a Catania l’Italia va a caccia del pass per Tokyo 2020

Nel capoluogo etneo la Nazionale di volley femminile disputerà il girone di qualificazione alle prossime Olimpiadi. Presenti tutte le stelle del team azzurro: grande attesa per la leader del gruppo Paola Egonu.

Speciale

Cronaca

Eventi

Sport

Al voto

Login Digitrend s.r.l