martedì - 22 agosto 2017

Rapporto Zoomafia 2017: crimini contro animali, dati allarmanti in Sicilia

La criminalità organizzata continua a puntare sul business degli animali. Secondo i dati delle procure sono centinaia le denunce riguardo combattimenti, corse clandestine, "cupola del bestiame", macellazione clandestina e traffico di fauna selvatica. Siracusa è in testa con 126 procedimenti penali per reati contro gli animali nel 2016 e Catania si trova al quarto posto con 62 procedimenti dopo Trapani e Messina. Questi sono i dati relativi ai crimini contro gli animali gestiti dalla criminalità in Sicilia che emergono dal Rapporto Zoomafia 2017 redatto da Ciro Troiano, criminologo e responsabile dell'osservatorio Zoomafia della Lav

array(4) { [0]=> string(7) "catania" [1]=> string(7) "Cronaca" [2]=> string(9) "mobilità" [3]=> string(9) "sindacale" }

Caos Amt: ancora poche vetture in giro, Lo Schiavo (Fast Confsal): “azienda sempre allo sbaraglio”

Persiste il caos assoluto nell'Azienda Metropolitana Trasporti. L'estate che va a concludersi è stata tra le più dure, per passeggeri e conducenti, a causa della scarsità di vetture, oltretutto non climatizzate, e dell'esasperazione che ha portato spesso ad aggressioni ingiustificate ai dipendenti della partecipata. La confusione continua a regnare sovrana
array(2) { [0]=> string(7) "catania" [1]=> string(5) "Mafia" }

Cavalli, ancora corse clandestine su youtube, tutto alla luce del sole!

Cavalli allo stremo delle forze che corrono sull’asfalto, giri di soldi e video che spopolano sul web. Tutto questo sono le corse clandestine a Catania e in Sicilia che secondo l'Osservatorio Nazionale Zoomafia occupano un posto importante nel business della criminalità organizzata. Alcune delle ultime gare documentate su youtube risalgono a tre mesi fa circa e riguardano la zona del catanese, precisamente Palagonia e strade non identificabili sull’Etna
array(1) { [0]=> string(8) "Speciale" }

Incarichi: le consulenze pubbliche del principe del foro catanese Francesco Andronico

Un onorario di ben 150 (centocinquanta!) euro l'ora, oltre oneri accessori, da corrispondere anche solo per "assistenza nelle riunioni sindacali” che possono durare persino intere giornate e dunque potrebbero risultare particolarmente salate. E’ quanto prevede un provvedimento del 27 marzo 2017 del presidente della Catania Multiservizi spa che conferisce incarico professionale allo studio dell'avvocato Francesco Andronico, 78 anni, considerato uno dei massimi esperti del foro etneo in  materia di diritto del lavoro AGGIORNAMENTO: LA "REPLICA" DELL'AVVOCATO ANDRONICO E LA NOSTRA CONTROREPLICA

array(1) { [0]=> string(7) "Cronaca" }

Nuovo attacco al giornalista d’inchiesta ragusano Paolo Borrometi

Ignoti sono entrati nella sua casa romana ed hanno rubato solo l'hard disk contenente i suoi appunti. Numerose le sue inchieste, tra le quali quella che ha provocato lo scioglimento per mafia del comune di Scicli. In precedenza è stato aggredito e gravemente ferito riportando danni permanenti e la porta della sua casa incendiata. Ha subìto minacce di morte da parte del boss ragusano Gionbattista Ventura che per questo è stato condannato. SOLIDARIETÁ E APPELLO ALLE AUTORITÁ PER AUMENTARE IMMEDIATAMENTE LA TUTELA A DIFESA DELLA CORAGGIOSA ATTIVITÁ DI PAOLO BORROMETI. 

array(2) { [0]=> string(7) "catania" [1]=> string(7) "Cronaca" }

Cuccioli abbandonati nel “ricovero-lager” di Biancavilla, la Lav: denunceremo il Comune

Tredici cuccioli di cane sono stati trovati in balia di loro stessi in un ricovero temporaneo, un vero "lager permanente in cui gli animali attendevano la loro morte". La denuncia è di Lav, Lega Anti-vivisezione, ed Enpa, Ente Nazionale Protezione Animali. "I cani erano in pessime condizioni -sottolinea la Lav- senza cibo e acqua, pieni di zecche fino a non riuscire ad aprire gli occhi. Procederemo legalmente nei confronti dell'Amministrazione di Biancavilla!"

array(2) { [0]=> string(18) "Cultura e Società" [1]=> string(17) "Voci della città" }

Guttuso? Ma non c’è solo lui

Quante esposizioni ogni anno vengono allestite in Sicilia sula pittura di Renato Guttuso? Impossibile tenerne il conto. Ce ne è una anche ora presso la Fondazione Verde La Malfa a San Giovanni la Punta. Niente da obbiettare: bravo, bravissimo il pittore di Bagheria. Ma di artisti nel secondo dopoguerra l’isola ne ha sfornati altri spesso internazionalmente riconosciuti. Possibile che per ammirare il genio di Salvo occorra spingersi sino a Lugano?

array(2) { [0]=> string(7) "Cronaca" [1]=> string(10) "Spettacoli" }

Il Teatro Stabile replica a Sudpress ma smentisce se stesso

Ieri abbiamo dato una notizia di certo rilevante per il teatro catanese: Pippo Pattavina ha abbandonato la produzione dello spettacolo inaugurale della prossima stagione del teatro Stabile. Notizia assolutamente vera, tanto da essere confermata dallo stesso Stabile in un comunicato-replica inviatoci ieri alle 20.18. Una replica risibile e SE GESTISCONO IL TEATRO DEI CATANESI PER COME REPLICANO A NOTIZIE ASSOLUTAMENTE VERE ED INCONFUTABILI, ARRIVANDO PERSINO A SMENTIRE "QUALIFICHE" DA LORO STESSI ATTRIBUITE IN DOCUMENTI UFFICIALI, NON POSSIAMO CHE ESSERNE ANCORA PIÙ PREOCCUPATI.

array(3) { [0]=> string(7) "catania" [1]=> string(6) "lavoro" [2]=> string(9) "sindacale" }

Pubbliservizi, situazione sempre più grave: la Città Metropolitana dichiara la crisi

Ancora nessun passo avanti per i lavoratori della Pubbliservizi S.p.A., con le sigle sindacali sempre più sul piede di guerra, dopo le precedenti rassicurazioni da parte dell'azienda, non seguite poi da fatti concreti. Anzi, le condizioni lavorative sembra certo, andranno a peggiorare ulteriormente, come confermato dalla lettera inviata dal Ragioniere Generale della Città Metropolitana Francesco Schilirò, che certifica la situazione disastrosa della partecipata

array(2) { [0]=> string(7) "Cronaca" [1]=> string(10) "Spettacoli" }

Nuova bufera sul Teatro Stabile: Pippo Pattavina abbandona le prove dello spettacolo inaugurale

Per l'apertura della stagione 2017/18 il Commissario Straordinario Giorgio Pace (ancora in carica nonostante l'approvazione del nuovo statuto risalga agli inizi di aprile), ha scelto di produrre un classico del teatro di prosa nazionale "Sei personaggi in cerca d'autore" di Luigi Pirandello, previsto in cartellone dal 17 al 29 ottobre. Ne ha affidato la regia a Michele Placido, prevedendo come protagonista uno degli ultimi "mostri sacri" del teatro catanese, Pippo Pattavina. Ieri si è appreso che Pattavina avrebbe intenzione di non partecipare alla produzione. Riserbo sui reali motivi mentre Guia Jelo getta acqua sul fuoco: "Spero ci ripensi, sono orgogliosa di poter lavorare con lui e con Michele Placido."

In evidenza

ULTIMORA Camera di Commercio: Conferenza Stato Regioni boccia revoca accorpamento

Discussa da pochi minuti in sede nazionale la proposta di revoca dell'accorpamento delle camere di commercio di Catania, Ragusa e Siracusa che adesso dovrebbe potersi finalmente costituire. In ogni caso, l'avvenuta assegnazione al Friuli dell'ultima camera disponibile preclude che in Sicilia se ne possa creare un altra

Camera Commercio: revoca insediamento, denunce contro l’assessore Lo Bello

"In questi giorni la Camera di Commercio Catania, come le altre, non potrà erogare i contributi a Confidi, mentre altre Camere di Commercio hanno chiesto aiuto perché non riusciranno più a pagare stipendi e pensioni". E' una situazione a dir poco paradossale che certo non fa bene al mondo delle imprese, quella che si sta delineando a causa della mancanza della costituzione della Suer Camera di Commercio del Sud Est. A dirlo, senza mezzi termini, è Pietro Agen, a capo della cordata riferibile a Confcommercio che, dopo l'ennesima revoca dell'insediamento del consiglio camerale, ha deciso di autoconvocarsi provocatoriamente per dimostrare che i numeri ci sono tutti, al di là delle battute degli avversari. Tra ricorsi al Tar e denunce alla Procura Agen si appella al Procuratore Zuccaro: "se ci sono intercettazioni che vengano fuori tutte per intero così come l'audizione dell'ex assessore Venturi, gli interessi sull'aeroporto di Catania e gli elenchi delle imprese avversarie che ancora non conosciamo" VIDEO INTERVISTE

Camera di Commercio, l’assessore Lo Bello rischia grosso: “Non esiste il potere di sospendere un insediamento”

Quando si esagera, si esagera. Dopo cinque anni di commissariamento e tre insediamenti saltati, i nervi sono a fior di pelle. L'ultima è che i consiglieri legittimamente nominati con decreto del presidente Rosario Crocetta lo scorso dicembre (e già allora con enorme ritardo causato da denunce rivelatesi praticamente infondate), lunedì si insedieranno, o almeno ci proveranno, ritenendo irricevibile la seconda "sospensione" decisa ad appena due giorni dalla seduta. In effetti, in base alla legge, i poteri delegati alla signora Lo Bello dal presidente Crocetta si esaurirebbero con la convocazione. Stop. Da quel momento infatti esiste un Ente Pubblico del tutto autonomo e persino di rilevanza costituzionale, sul quale ogni ulteriore azione turbativa del suo funzionamento rischia molto concretamente di trasformarsi quantomeno in eccesso di potere se non in vero e proprio abuso. Vedremo cosa succederà lunedì. E nei giorni a seguire.  

ORMAI È FOLLIA: la Regione rinvia di nuovo l’insediamento della Camera di Commercio

Incredibile ma vero! Come Sudpress aveva previsto ieri nell'articolo in cui dava la notizia del fatto che l'intesa nella Conferenza Stato Regioni era saltata, almeno sul punto 13 all'ordine del giorno, paventando la possibilità che l'assessore rinviasse la seduta di insediamento del consiglio camerale di lunedì prossimo, come da lei stessa convocata il 18 luglio, beh, quello che dicevamo si è avverato, lasciando un senso di sbigottimento in chi non avrebbe pensato che l'assessore potesse arrivare a tanto. Così la vicepresidente della Regione, Mariella Lo Bello, dopo aver convocato, addirittura non rinvia ma revoca tale atto, con una motivazione che più assurda non si può. Pietro Agen a Sudpress "Lunedì ci presenteremo lo stesso, abbiamo dato mandato ai nostri legali di procedere civilmente e penalmente nei confronti dell'assessore, è un comportamento fraudolento!"

Camera Commercio: indagini concluse, 11 indagati per 81 “falsi”, chiesta archiviazione per Pagliaro

Tanto tuonò che piovve. Alla fine il colpo di scena, in un modo o nell'altro, in anticipo rispetto ai timori, c'è stato. Si sono concluse oggi con la richiesta di archiviazione per il commissario della Camera di Commercio di Catania Alfio Pagliaro, e altri due dirigenti, Stefano Alì e Giovanni Brafa Musicoro, le indagini dei magistrati su denuncia di alcune associazioni. Risultano 11 gli indagati per sole 81 contestazioni su migliaia di aziende passate al vaglio. I nomi sono quelli di  Alessio Lattuca, Gino Scotto, Davide Raccuglia, Riccardo Galimberti, Filippo Guzzardi, Giuseppe Giglio, Giovanni Selvaggi, Riccardo Santamaria, Massimo Franco, Giuseppe Bulla e Giovanni Sebastiano Rinzivillo. A tutti vengono contestate false attestazioni. Il tutto alla vigilia del parere che dovrà dare la Conferenza Stato Regioni domani sull'accorpamento di Catania, Siracusa e Ragusa. Sudpress ha sentito il presidente di Confcommercio Catania Galimberti
array(1) { [0]=> string(7) "Cronaca" }

Ri-Ri-Ri-Riconvocata la Camera di Commercio del SUD-EST

Dopo l'approvazione, nonostante minacce ed intimidazioni, del decreto del ministro per lo Sviluppo Economico datato 8 agosto, ci ha messo altri 10 giorni l'assessore Mariella Lo Bello a capire che è meglio chiudere una delle più squallide e patetiche partite che un sistema di potere distruttivo e agonizzante ha giocato con ogni mezzo possibile, andando ben oltre il ridicolo se non fosse che sono state travolte le istituzioni, magistratura compresa, che si è prestata inerme a giochi miserabili, utilizzata in maniera scandalosa per ottenere continue e speciose dilazioni di un iter  imposto dalla legge. Convocato per le 10.30 del 4 settembre il Consiglio Camerale che dovrà eleggere il primo presidente della super camera di commercio di Catania-Ragusa e Siracusa. Ma da qui al 4 settembre i cervelloni ...

array(3) { [0]=> string(7) "catania" [1]=> string(9) "Reportage" [2]=> string(15) "Senza categoria" }

Via Giuffrida Castorina e fontana Tondo Gioeni: siamo ancora in alto mare!

I lavori dei due cantieri avrebbero dovuto essere consegnati il 12 agosto ma naturalmente non è avvenuto e, nonostante l'accelerata a seguito delle nostre denunce di due mesi fa e il conseguente sopralluogo del sindaco, i lavori sono ben al di là dall'essere ultimati
array(3) { [0]=> string(31) "3° Circoscrizione Borgo Sanzio" [1]=> string(7) "Cronaca" [2]=> string(9) "Quartieri" }

VERGOGNA CRIMINALE! Contro il degrado delle strade si organizzano comitati cittadini

Questa mattina Sudpress ha denunciato i ritardi nell'appalto per la manutenzione delle strade. A stretto giro riceviamo e pubblichiamo una nota del Comitato Cittadino Vulcania con tanto di reportage fotografico che documenta l'intollerabile stato di degrado di questa città. Sudpress, che esattamente un anno fa ha pubblicato un video sui pericoli della circonvallazione che rimangono irrisolti, si farà adesso parte diligente effettuando accesso agli atti presso il comune di Catania per individuare le responsabilità nei mancati controlli, in particolare sui collaudi effettuati dopo lavori di ripristino da parte delle varie ditte che scassano le strade per i sottoservizi e le lasciano distrutte. È ora che chi deve risarcisca i cittadini!

array(2) { [0]=> string(7) "catania" [1]=> string(9) "mobilità" }

Rifacimento strade a Catania, si allungano i tempi per l’assegnazione dei lavori

Si allungano i tempi per la consegna dei lavori di rifacimento del manto stradale di alcune vie cittadine con il sistema del Global Service promesso da Bianco lo scorso aprile e ancora in alto mare. E basta guardare la nostra photogallery per capire che perdere ancora tempo è criminale per i rischi che comporta alla sicurezza stradale.

array(1) { [0]=> string(15) "Senza categoria" }

Boutade di ferragosto

Altro che ricandidarsi…

A febbraio il 3, 4 o 5 volte (abbiamo perso il conto) sindaco di Catania Enzo Bianco festeggerà le sue 67 primavere e comincia a guardarsi attorno. Il suo staff al comune di Catania pare gestirne l'agenda guardando con sempre più concretezza al prossimo futuro e non a caso vengono inaugurate piazze per anziani come Iolanda e Palestro (anche se poi le fontane non funzionano), orti cittadini con poca fortuna e, in ultimo, proprio a ferragosto, una bella visita all'Opera Pia Monsignor Ventimiglia. Forse l'approdo più sicuro, anche a giudicare dall'atteggiamento del sindaco di certo più rilassato che in consiglio comunale dove non a caso non va mai.

array(1) { [0]=> string(7) "Cronaca" }

Le case popolari consegnate da Bianco subito occupate da malavitosi?

Il 10 agosto il sindaco di Catania ha consegnato a Librino, al solito con tanto di comunicato e foto di rito, 24 alloggi popolari ad altrettante famiglie. Giubilo su Facebook ed autoesaltazione. Ma è una cosa bella, al di là della propaganda. Almeno sarebbe tale se non fosse vero quanto pubblicato dal consigliere comunale Manlio Messina che ha ricevuto un messaggio da un suo conoscente: "La casa assegnata a mia madre, vedova e senza reddito, è stata occupata da malavitosi che hanno anche minacciato di morte mio fratello."

array(3) { [0]=> string(7) "Cronaca" [1]=> string(8) "Politica" [2]=> string(8) "Speciale" }

Città Metropolitana: Bianco deve mollare, a casa anche i suoi consulenti. Da venerdì il Commissario

Il primo effetto dell'approvazione della clamorosa legge che resuscita di fatto le ex province, con tanto di elezione diretta dei suoi organi, è l'immediata decadenza dei cosiddetti "sindaci metropolitani" che, in base alla scimmiottata legge nazionale Delrio, coincidevano con i sindaci dei capoluoghi Palermo, Messina e Catania. Sono stati cinque i deputati catanesi, tra cui ben due assessori di primo piano, a votare la legge. Con la pubblicazione della legge il prossimo venerdì, (ma forse anticipata a martedì) decade quindi il sindaco metropolitano Enzo Bianco e perdono effetto praticamente gli unici atti che ha compiuto in tale veste e cioè la nomina di due consulenti, Giovanni Iozzia e Nello Catalano che da soli costavano quasi 7 mila euro al mese. Il parere del prof. Felice Giuffrè sulla costituzionalità della legge: "Paradossalmente è più conforme della Delrio."

array(2) { [0]=> string(7) "catania" [1]=> string(9) "mobilità" }

Nuova stazione ferroviaria di Piazza Europa: niente bagni, biglietterie e controlli

Inaugurata giusto pochi giorni fa, il 24 luglio, alla presenza del Ministro alle Infrastrutture Graziano Del Rio e ovviamente del Sindaco Enzo Bianco, la stazione Europa, pur essendo attiva, è ancora sprovvista di biglietterie, sala d'aspetto, servizi igienici e controllo
array(1) { [0]=> string(14) "Ufficio stampa" }

Province resuscitate. M5S: Servivano risorse non poltrone

Il candidato alla presidenza Giancarlo Cancelleri e il deputato Salvo Siragusa: "Il governo regionale e quello nazionale hanno tagliato fondi alle province gettandole nel caos, un caos targato PD. Oggi Partito Democratico con Forza Italia e gli altri partiti anziché rispondere ai cittadini con i servizi, rispondono con le poltrone". "I governi regionale e nazionale hanno tagliato i fondi alle province, gettandole nel caos. I mancati pagamenti degli stipendi dei dipendenti, il taglio dei servizi ai cittadini quali la manutenzione delle strade, la manutenzione delle scuole e il trasporto pubblico agli alunni disabili hanno generato l'incredibile impasse di questi anni. Un caos targato Partito Democratico. Oggi poi il Partito Democratico insieme a Forza Italia e agli altri partiti politici, cosa fanno di fronte alla richiesta di aiuto dei cittadini che chiedono servizi dalla provincia? Invece di dare soldi all'ente, rispondono con le poltrone". A dichiararlo è il candidato presidente della Regione per il Movimento 5 Stelle Giancarlo Cancelleri al termine della seduta d'aula in Assemblea Regionale Siciliana in cui è stata votata favorevolmente l'elezione diretta di consiglieri e presidenti. "In questi 5 anni - sottolineano Cancelleri e Salvatore Siragusa - innanzitutto sono state prosciugate dalle risorse dal governo centrale, dato che grazie alla compartecipazione al debito pubblico con il lauto prelievo forzoso, abbiamo spogliato di risorse dipendenti e servizi. La soluzione era immettere liquidità negli enti intermedi non rimetterci poltrone, che altro non sono se non prebende della politica. In questi 5 anni abbiamo tra l'altro totalmente svenduto la nostra autonomia al governo centrale e alle logiche dei partiti. Non capiamo come possano adesso pensarci presidenti e consiglieri a risolvere i problemi. Probabilmente con i loro grassi stipendi, compreranno dei mantelli da supereroi per riparare strade e scuole. La politica ha la necessità di accontentare i portatori di voti e la pletora di personaggi che ruota attorno ad essi da coinvolgere per la campagna delle regionali. Quale migliore voto di scambio - concludono i due portavoce all'Ars - se non garantirgli la possibilità di una poltroncina alla provincia?".

Copertina

Il Questore Gualtieri a Sudpress: “Acibonaccorsi? Migliaia le persone sane, i genitori si fidavano, lo avrei fatto anche io”

"Intanto voglio fare un plauso alla Procura e alla polizia Postale diretta da Marcello La Bella. Entrambi hanno svolto questa indagine in pochissimo tempo e per di più su un fenomeno che durava da anni. Le indagini proseguono e man mano si aggiungeranno atre persone a rafforzare il quadro accusatorio. La cosa grave è che è un un fenomeno che ha una scarsa capacità di emergere perché la vittima, una volta raggiunta l'età per capire che questo fanatismo religioso non ha nulla a che fare con un sentimento di fede, tende ad incapsulare quanto accaduto e a dimenticare". Parla così il questore Giuseppe Gualtieri, nella video intervista rilasciata a Sudpress, a sei mesi dalla sua nomina al vertice della polizia catanese. Gualtieri parla dell'inchiesta sulla comunità di Lavina ad Acibonaccorsi che ha portato all'arresto di Pietro Capuana e di altre tre persone, ma anche di Catania e delle sue emergenze

Lampedusa, il piccolo ospedale delle tartarughe

Lampedusa non è solo terra di confine tra la disperazione dei migranti e la loro speranza tanto ingenua quanto mal riposta. È anche terra di mare per eccellenza, dove l'amore per le sue creature anima l'impegno di gente straordinaria che dedica la vita a salvare creature che potrebbero sopravvivere secoli se gli ami ed i sacchetti di plastica prodotti dalla più stupida ed arrogante specie del pianeta non le sterminasse. IL VIDEO CON DANIELA FREGGI, FONDATRICE DEL TURTLE GROUP ED ALCUNE INDICAZIONI UTILI DAL SITO DELL'ASSOCIAZIONE.

Catania, dati sulla raccolta differenziata, ARCIDIACONO: “DISASTROSO 7,92%, BIANCO ARROSSISCA!”

È il vice presidente vicario del consiglio comunale Sebastiano Arcidiacono a denunciare con durezza i dati appena pubblicati dal comune di Catania in merito alla raccolta differenziata che passa da un già preoccupante 13,23% dell'ottobre 2016 ad un'intollerabile 7,92% di questo giugno. Incredibile la motivazione addotta dall'assessore responsabile Saro D'Agata: "Colpa dei pendolari!". IN-CRE-DI-BI-LE!!!

Boschetto della Plaia tra spazzatura, pericoli e poca avventura

Un parco avventura aperto a singhiozzi e senza controlli, rifiuti di plastica un po’ ovunque, fontane che perdono, mucchi di rami accatastati non rimossi. Questa è la situazione che c’è al boschetto della Playa a circa due mesi di distanza dalla tanto attesa inaugurazione del Liotru Adventure Park finalizzata alla rinascita dell’area VIDEO E FOTOGALLERY

BOMBA DELLA CORTE DEI CONTI SUL COMUNE: SI RIPARTE DAL PIANO DEL 2013 E SONO… AMARI

Nei giorni scorsi Sudpress ha avuto contatti con il direttore del Ministero degli interni e con la procura della Corte dei Conti ed abbiamo appreso che...

Femminicidio, Mazza (presidente Galatea): Solo 2 donne su 10 denunciano

Il dato, a dir poco allarmante, emerge dall'intervista esclusiva rilasciata a Sudpress da Loredana Mazza, presidentessa dell'associazione antiviolenza Galatea di Catania costituitasi parte civile, rappresentata dall'avvocato Mirella Viscuso, nel processo per il femminicidio di Giordana Di Stefano, la giovane donna uccisa dall'ex compagno a Nicolosi con 48 coltellate GUARDA LA VIDEO INTERVISTA

La digitalizzazione delle imprese in Sicilia: lo stato dell’arte e le prospettive per il futuro

Rispetto a quelle europee, le PMI italiane hanno un livello di digitalizzazione ancora tutto da costruire. Basti pensare che solo il 53,4% di esse vende i propri beni attraverso i canali online. Un ritardo culturale e tecnologico che impedisce di percepire in maniera completa i benefici che le tecnologie digitali possono avere sullo sviluppo aziendale e sul successo di ogni tipo di business. Tuttavia arrivano segnali incoraggianti sia a livello legislativo che tecnologico che fanno ben sperare per la velocizzazione della transizione nel futuro prossimo. Un'affermazione valida anche e soprattutto per la Sicilia.

Millennials alla guida: cosa desiderano?

Desideri e passioni della Generazione Y. La ricerca effettuata dal sito AutoScout24 fotografa la relazione tra i Millennials e il mondo delle quattro ruote. Dati incoraggianti per il Mezzogiorno: il Sud tiene bene, equilibrando un paniere di visualizzazioni altrimenti sbilanciato verso il Nord Italia.

Come avere una mente in forma: istruzioni per l’uso

Numeri, simboli, colori, tutto ciò che ci circonda è una palestra per allenare la nostra mente e tenerla in forma. Esercizi utili per un cervello da premio Nobel.

Speciale

Cronaca

Eventi

Sport

Al voto

Login Digitrend s.r.l