giovedì - 18 gennaio 2018

array(4) { [0]=> string(7) "Al voto" [1]=> string(7) "catania" [2]=> string(8) "Politica" [3]=> string(18) "Verso le politiche" }

Caos 5 Stelle, Giarrusso: “Nessun caso, solo errori tecnici e tagli concordati”. Gli esclusi: “Siamo ancora in attesa del perché”

Dopo le accese polemiche delle ultime ore sulle parlamentari del movimento grillino, con la ridda di accuse e smentite, di "vorrei dire ma non posso" e "siamo in attesa di sapere", sui presunti tagli alle candidature e altre avanzate all'insaputa degli interessati, sembra che la questione sia stata archiviata come "errore informatico" successivo all'approvazione del nuovo statuto. Il senatore Mario Giarrusso infatti minimizza: "Nessun caso ma polemica montata ad arte. Col nuovo statuto approvato ci sono stati dei disguidi con la piattaforma digitale ma la selezione era prevista dalle nostre regole". D'altro canto, Giuseppe Gullo, candidato catanese, sparito dalla lista, afferma: "Sono ancora in attesa di avere risposte sul motivo del taglio". E su Facebook la candidata "inconsapevole" Rosa Emanuele Lo Faro comunica: "Risulto candidata e non mi sono candidata, alla fine non ho potuto votare, sistema in tilt"

Parlamentarie M5S: caos sulle candidature tra esclusi e candidati inconsapevoli

Al via il voto in rete per formare le liste pentastellate alle prossime elezioni politiche: tanti però, da Nord a Sud, pur avendo dato la disponibilità per la corsa, sono stati eliminati dagli elenchi o incredibilmente ci si sono trovati a propria insaputa. A Catania, eclatante il caso di un'attivista, a quanto sembra candidata senza aver prestato il consenso. Un altro dei candidati catanesi esclusi, Giuseppe Gullo, con il Movimento fondato da Grillo e Casaleggio da 6 anni, spiega: "Siamo in attesa di motivazioni ufficiali che spieghino quanto accaduto. Credo si possa trattare di un errore di natura informatica, ma non sappiamo ancora niente"

Una Rondine non fa primavera. La prima al Teatro Bellini, alla presenza del Presidente Mattarella.

Ricordo che da fanciullo osservavo il maestoso palco centrale, chiedendomi come mai proprio quello, il più bello del teatro, fosse sempre vuoto. Mi spiegarono che è il palco reale, che oggi spetta al Presidente della Repubblica.

Ospedale Santa Marta tra sporcizia e spazi abbandonati. I pazienti “Condizioni assurde”

Lo sporco è ben visibile sulle scale, i muri all’ingresso perdono ampie parti di intonaco e, in alcuni punti, sono evidenti dei fasci di tubi scoperti; una parte della struttura è chiusa e un’altra, dove si troverebbe la cappella, sembrerebbe un antico edifico completamente abbandonato tra impalcature e una fitta vegetazione: questo è l’ospedale Santa Marta di Catania, di cui oggi è in attività solo l’area oculistica

Omicidio coniugi Palagonia, la donna ha implorato il suo assassino prima che la uccidesse

"Mercedes Ibanez avrebbe implorato il suo assassino prima che la uccidesse gettandola dal balcone della propria abitazione". Questa è la testimonianza fornita in aula da una vicina di casa della famiglia Solano relativa alla notte del 30 agosto 2015, quando i due anziani coniugi, Vincenzo Solano di 68 anni e la moglie Mercedes Ibanez di 70, sono stati torturati e brutalmente assassinati a Palagonia. Ad essere accusato dell'omicidio è Mamadou Kamara, ospite del Cara di Mineo, che avrebbe ucciso la coppia al culmine di una rapina

Nesima: gli universitari al fianco degli abitanti, successo del progetto “Riqualifica il quartiere”

Un questionario di trenta domande da proporre a chi vive nel quartiere, su quanto lo stesso e le abitazioni potrebbero essere migliorabili. E' il progetto innovativo che stanno realizzando alcuni studenti del V anno della facoltà di Ingegneria edile - architettura di Catania a Nesima grazie alla collaborazione dei cittadini del quartiere: quali interventi migliorativi apportare alle palazzine di edilizia popolare, costruite in buona parte da Ina Casa con le stesse caratteristiche, ma anche a tutta la zona. Claudio Chiarenza, che fa parte di uno dei gruppi insieme a Roberta Amico, Maria Grasso, Michele La Noce e Maria Leonardi, spiega a Sudpress: "Siamo partiti dal coinvolgimento degli abitanti per avere l'input progettuale, e realizzare almeno sulla carta, qualcosa di utile davvero a chi vive in quella zona"

Lutto per Rino Sardo, si è spento il padre Francesco storico esponente della DC sangregorese

Ciccio Sardo, docente in pensione dell'Accademia di Belle Arti, è stato a lungo assessore e consigliere comunale per la Democrazia Cristiana a San Gregorio. Alla moglie ed ai figli, in particolare a Rino, manager SAC e nostro caro amico, le più affettuose condoglianze del giornale. I funerali martedì 16 gennaio ore 15.30 Chiesa Madre di San Gregorio.

Mattarella a Librino ma i “disperati” restano in Cattedrale e rispondono a Bianco: “l’unico ad averci manipolato è stato lui”

Domani ci sarà la visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Librino. Il presidente forse non andrà a Palazzo degli Elefanti, chissà, probabilmente per non fargli vedere che mentre lui viene portato in trionfo nel popoloso quartiere catanese, alcune famiglie disperate, 18 per l'esattezza, proprio di Librino, Pigno e San Giorgio da mesi dormono in Cattedrale per protestare contro il sindaco e le sue promesse. E lo faranno anche durante i festeggiamenti previsti per Sant'Agata. Bianco nella sua pagina Facebook ufficiale continua ad accusarli di essere "strumentalizzati" politicamente. Ma loro rispondono indignati: "l'unico ad averci manipolato è stato il sindaco, dalla campagna elettorale del giugno 2013"

“Caro Mattarella, spiegaci tu che fine fanno i soldi per Librino e perché non cambia mai niente”

L'appello è lanciato su FB con un post di Alfia Milazzo, la battagliera presidente della fondazione "Città Invisibile", e subito rilanciato dall'avvocato Enzo Guarnera, storico militante antimafia. L'occasione è la visita a Catania giorno 16  del presidente della repubblica Sergio Mattarella, che sarà portato in giro come una Madonna Pellegrina a fare da testimonial di una città che non esiste e continua ad essere oltraggiata da una classe dirigente parassita e inadeguata.

Si perde nelle campagne, anziano agricoltore viene ritrovato dalla Gdf

Ha vagato per molte ore, di notte, nelle campagne, al freddo, senza scarpe e pieno di fango prima di essere stato salvato dai militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi. La brutta avventura è capitata ad un agricoltore ennese di 75 anni che sabato sera si era smarrito nelle campagne tra Barrafranca e Pietraperzia, nella provincia nell'entroterra siciliano

Ma questi sono proprio animali!

Uno scempio senza limiti colpisce una delle piazze più belle del barocco catanese e stavolta non sono i soliti manifesti elettorali affissi selvaggiamente in giro per la città a compierlo. Si tratta nientemeno che del programma della festa di Sant'Agata -appena presentato alla città dal sindaco Bianco, dal presidente del comitato dei festeggiamenti Francesco Marano, consulente del sindaco e vicesegretario regionale del Pd e dall'arcivescovo Gristina- i cui poster sono stati appiccicati abusivamente non negli spazi dedicati ma nei muri dei palazzi che si affacciano su piazza Università, deturpandone la facciata oltre ogni senso del decoro

Spettacolo e Cultura a Catania: l’opinione del gallerista Gianluca Collica

La vicenda del "capodanno" da 185 mila euro, affidato senza alcuna selezione comparativa da Enzo Bianco a Valerio Festi e di cui abbiamo raccontato, ha suscitato un ampio dibattito sull'utilizzo delle risorse destinate ad attività culturali che, se ben gestite con un minimo di criterio, potrebbero davvero contribuire al rilancio di un turismo di qualità mentre invece vengono sprecate in operazioni inqualificabili. Una città come Catania merita davvero di subire "operazioni" quali il "Capodanno di Festi" o la "mostra" al Castello Ursino "Da Giotto a De Chirico" della coppia Filippini-Sgarbi? É possibile immaginare un modello culturale diverso? Uno dei più noti cultural manager catanesi, il gallerista Gianluca Collica, ci offre una prima riflessione cui seguiranno altre: perché questo è davvero un dibattito importante che investe il futuro della città. (PDR)

Disabili, associazione denuncia amministrazione Bianco: “Dal marzo 2017 omessa nomina Garante”

L'onlus "Come Ginestre", con una lettera aperta del suo presidente Salvatore Mirabella, denuncia l'inottemperanza dell'amministrazione Bianco ad una propria delibera, risalente addirittura al giugno 2016, e con la quale istituiva la figura del "Garante dei Disabili" prescritta dalle leggi nazionale 18/2006 e regionale 47/2012. La delibera n.100 aveva approvato l'avviso per le candidature chiuse nel marzo 2017 e da allora non si hanno più notizie. Come al solito, roba buona solo per annunci inconcludenti!

Ancora fughe da Bianco: molla anche il consulente per la Protezione Civile Salvo Consoli

Ha dato l'anima e lo abbiamo trovato presente in tutte le emergenze che in questi anni hanno richiesto l'intervento degli apparati di Protezione Civile, riconosciuto riferimento di tutte le associazioni di volontariato. Lascia con stile adducendo "motivi personali" ma, come già nel caso del Capo di Gabinetto Beppe Spampinato, risulta complicato non attribuire anche questa defezione al desiderio di non essere coinvolti nel disastro di un'amministrazione che, ormai in scadenza, non ha prodotto altro che decadenza e patetiche promesse.

Insulti e offese omofobe: parla Agnese Vittoria aggredita alla Rinascente

La giovane transgender catanese, 27 anni, racconta a Sudpress quanto accadutole alcuni giorni fa al bar della Rinascente, dove è stata prima offesa e poi aggredita fisicamente da un uomo facente parte di un gruppetto, per aver preso le parti di una delle ragazze in servizio in quel momento e per far cessare battute e insulti verso lei stessa: "Vivo da sempre queste situazioni, le prese in giro, le offese; ma mai sono stata colpita fisicamente, e tutto solo per aver difeso la mia dignità. C'è troppa ignoranza e troppa cattiveria, bisognerebbe formare la cultura del rispetto dell'essere umano a scuola, fin da piccoli, come si fa nei paesi scandinavi"

Incendio Club House Briganti Librino: continua la solidarietà, il dirigente Mancuso “non ci fermiamo e attendiamo i fatti”

"La Librineria è già ripartita con un laboratorio per i bambini aperto a tutti e domenica prossima terremo un'assemblea pubblica, con i ragazzi soprattutto, per analizzare quanto accaduto e ricominciare destinando altri spazi alla Club House. Per ora utilizzeremo la palestra, e poi si vedrà" A parlare è Giuseppe Patanè, responsabile del Mini Rugby, all'indomani dell'incendio doloso che ha distrutto la club house del Briganti Rugby a Librino. "Abbiamo bisogno di avere alcuni servizi, alcuni spazi immediatamente, e bisognerà capire adesso chi passerà dalle parole ai fatti -dice Piero Mancuso a Sudpress- Per fortuna, tanta gente nel proprio piccolo, sta donando materiali e sta contribuendo ad un fondo-cassa per comprare le attrezzature".

Tondo Gioeni: i giorni di “passione” per gli automobilisti e lo sfogo sui social

Una giornata di delirio assoluto al tondo Gioeni come ne capitano sempre più spesso da quattro anni a questa parte, momento in cui il caro e vecchio ponte è stato abbattuto per fare spazio alla Fontana monumentale ancora "in mezzo ad una strada". A distanza di quasi un anno dal febbraio 2017, data di inizio dei lavori, il mega intervento che nelle intenzioni del sindaco "social" Bianco dovrebbe servire ad abbellire l'area lasciata in balia di erbacce,  cartacce e gettate di cemento a vuoto, per il momento sta facendo "più danni della bomba atomica". E a proposito di social che il sindaco ha dimostrato di apprezzare, sono tutti come impazziti in queste ore, soprattutto Facebook. Centinaia sono i post inferociti contro l'amministrazione Bianco che in quella zona, non ci stancheremo mai di scriverlo, ha creato un vero e proprio "nodo", ma anche "tappo", "minchiata", ormai non si contano più gli appellativi allo scempio

I sogni culturali (rimasti nei cassetti) del sindaco Bianco e dell’assessore Licandro

Diamo lettura, a beneficio dei catanesi, del libro dei sogni (e a questo punto, dopo quattro anni e mezzo, ormai infranti),  annunciato nel lontano 2013 e divenuto nel tempo un “cahier des doléances". Il lungo elenco, divenuto boomerang per l'Amministrazione, dal roboante e lapidario titolo: “Investire in cultura per invertire la cultura a Catania”, prevedeva interventi combinati di vari Enti (Comune, Università, Regione, Sovrintendenza, CNR, Accademia delle Belle Arti, privati…). Hai visto mai?

Librino, incendio distrugge la sede dei “Briganti Rugby”. Il dirigente: “profondamente scossi ma non ci fermeremo!”

Ennesimo atto vandalico, il peggiore di tutti fino ad ora, al Campo San Teodoro di Librino, campo di rugby dove da anni si allena la squadra del quartiere "Briganti di Librino": la scorsa notte un incendio doloso appiccato da sconosciuti che si sono introdotti all’interno dell’immensa struttura ha distrutto la club house dell’associazione il cui interno è completamente bruciato. Non si è salvato nulla GUARDA LA VIDEO INTERVISTA E LE FOTO

La polizia sequestra 12 supermercati a Michele Guglielmino. Dietro i prezzi competitivi le attività mafiose

Aveva in  programma l'apertura di due nuovi supermercati ma l'indagine sul suo patrimonio ha bloccato ogni nuovo investimento. Così la polizia ha sequestrato 41 milioni all'imprenditore legato al clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi, titolare della nota catena di supermercati GM, paninerie, terreni, conti corrente, auto e moto GUARDA I VIDEO

Caos Pubbliservizi, la richiesta di concordato preventivo non placa i sindacati: “Nessun taglio ai vertici”

A quanto sembra, i giudici opteranno per la concessione del concordato preventivo richiesto dall'amministratore della Pubbliservizi Silvio Ontario, anzichè per la più drastica decisione del fallimento, come auspicato e richiesto dai fornitori. Ma di fatto, a preoccupare le organizzazioni sindacali è sempre la situazione dei tagli, che colpisce solo i dipendenti, anche alla luce di un contratto quinquennale appena firmato, come afferma duramente Rita Ponzo, segretaria generale della Fisascat - Cisl: "Abbiamo chiesto un organigramma preciso in merito al tipo di attività che dovrà essere svolta dalla Pubbliservizi, a seguito del nuovo contratto firmato. Quali sono le figure assolutamente necessarie per la Città Metropolitana? Ci sono esuberi o non ci sono? queste persone con superminimi esagerati, continuano ad essere essenziali per l'azienda oppure no e vista la profonda crisi se ne potrebbe fare a meno?"

Sanità, il Governo Regionale sospende gli incarichi ma il DG del Garibaldi Santonocito non se ne “accorge”

Il nuovo Governo Regionale, tramite l'Assessore alla Salute Ruggero Razza, pochi giorni prima della fine del 2017, il ventisette dicembre, comunica la temporanea sospensione delle autorizzazioni già rilasciate per l'avvio delle procedure di attribuzione degli incarichi di direzione di strutture complesse, nell'ambito del riassetto della rete ospedaliera che non era stato possibile completare a causa della conclusione della legislatura. A Catania però, questa comunicazione evidentemente non dev'essere mai arrivata, o almeno non a Giorgio Santonocito, Commissario dell'Azienda Sanitaria Garibaldi, che il 5 di gennaio, appena nove giorni dopo, con una delibera, approva proprio lo schema di avviso per il conferimento degli incarichi di Direttore dei Dipartimenti Aziendali

Calcestruzzo scadente per coprire gli scassi della fibra ottica, cinque arresti a Catania

Si tratta di Antonio Tomaselli, 51 anni, reggente della famiglia Santapaola-Ercolano e già detenuto a seguito dell’operazione Chaos, Rocco Biancoviso, 50 anni, di Scordia, Giuseppe conti Pasquarello, 56 anni di Misterbianco, Angelo Di Benedetto di 31 anni di Catania, figlio di Santo coinvolto nell'operazione Chaos e Alessandro Caruso, 30 anni, di Scordia

Vigili del fuoco. Mense ridotte, i sindacati denunciano: “in pericolo anche la sicurezza dei cittadini”

2 milioni di euro in meno saranno destinati ai servizi mensa e pulizia dei vigili del fuoco nel triennio 2018/20. Probabili licenziamenti dei dipendenti privati addetti ai catering e disagi per il corpo nazionale dei pompieri che svolge turni di 12 ore. 23 sono gli attuali lavoratori per il servizio mensa a Catania. Di questi soltanto 9 avranno ancora il loro lavoro dopo i tagli statali, tra l'altro con un contratto a orario ridotto. "Il taglio del servizio mensa comporterà notevoli disagi sul soccorso -denuncia Gaetano Agliozzo della Fp-Cgil a Sudpress- perché il personale impegnato per 12 ore continuative verrà privato del diritto obbligatorio alla mensa"

Pronto soccorso Garibaldi: 4 ore di attesa per una radiografia, mancano barelle e sedie a rotelle

Ore e ore di attesa senza poter raggiungere il reparto di radiologia a pochi passi. Il motivo è la mancanza di barelle e sedie a rotelle, e la necessità di attendere, per fare pochi metri, un'ambulanza. Questa la vergognosa e incredibile vicenda raccontata dal figlio di una anziana paziente: "Solo dopo quattro ore e mezza, hanno portato mia madre dall'accettazione alla Radiologia. I locali del Pronto Soccorso adibiti ai raggi sono in ristrutturazione e per spostarsi di trenta metri ci vuole l'ambulanza. Una cosa schifosa e inverosimile" AGGIORNAMENTO: RETTIFICA DEL RESPONSABILE DEL P.O. DEL GARIBALDI GIOVANNI CIAMPI E RISPOSTA DEL NOSTRO DIRETTORE MICHELA PETRINA

Comincia il processo Wind Jet, è già guerra sulle parti civili

Ha avuto inizio con la contestazione delle numerose richieste volte alla costituzione di parte civile il processo Wind Jet, che vede come imputato l'imprenditore Antonino Pulvirenti, insieme ad altre sedici persone, con l'accusa di bancarotta fraudolenta distrattiva, bancarotta impropria per effetto di operazioni dolose e bancarotta fraudolenta documentale. La compagnia di voli low cost era stata ammessa alla procedura di concordato preventivo con un passivo di oltre 238 milioni di euro. Il giudice Ettore Passalacqua, della prima sezione penale Tribunale di Catania, scioglierà la riserva in occasione della prossima udienza fissata per il 5 giugno, durante la quale saranno discusse ulteriori questioni preliminari

Caos Sport: Arancio e Falzone consulenti di Bianco, Parisi (Coni) “Coperture eccellenti ai 4 anni di inefficienza”

“Che senso ha nominare degli esperti a fine mandato? Che Bianco voglia nascondere tutto quello che non è stato fatto per lo sport in questi anni dietro due grandi nomi?”. A chiederselo in un durissimo post nel quale esprime il suo autorevole punto di vista senza peli sulla lingua non è un pinco pallo qualsiasi ma il vicepresidente del Coni regionale, Sergio Parisi che è anche il segretario regionale della Federazione Italiana Nuoto

Alberto Francini, nuovo questore di Catania: “agire con fantasia per stare al passo coi tempi”

Sicurezza, cyber-bullismo, emergenza ecologica, baby gang, droga e degenerazione della movida. Queste alcune delle priorità sulle quali lavorare per il nuovo questore di Catania che si è insediato al posto di Giuseppe Gualtieri nominato prefetto.

Hilton Capo Mulini, La Mantia (Item) “tutto pronto entro l’anno”. Lo dicono dal 2014!

Ritardi su ritardi, forse qualcosa si muove per il tanto sospirato Hilton di Capomulini. Lo conferma Salvo La Mantia, amministratore delegato della Item, la società dello sceicco che ha dato in appalto qualche mese fa i lavori alla Inso (Gruppo Condotte): "Abbiamo avuto dei problemi ben noti ma la Inso ha assicurato che la consegna dell'immobile completato avverrà entro il 2018". Il progetto dello sceicco ha ottenuto, nel 2014, 24 milioni di euro a fondo perduto dal governo italiano e 35 milioni di finanziamento da Monte Paschi CS.

Ecco come Bianco attrae a Catania milioni di turisti miliardari

L'immancabile comunicato dell'Ufficio Stampa, che ancora non si capisce chi lo gestisce, arriva puntuale nel primo pomeriggio e narra la "straordinaria prima domenica di gennaio" organizzata per "volere del sindaco Bianco": musica con amplificazione da karaoke per pochi amici spacciati per "grande afflusso di turisti" e quattro bancarelle a Lungomare. Con l'aggravante che il "sindaco metropolitano" sta proprio lì, tristemente appoggiato ad una credenza, come non avesse  nulla da fare in questa città devastata. Una deriva inarrestabile, la nona città della nazione ridotta a sagra di quartiere di qualsiasi paesino dell'entroterra anni '50! Le immagini sono diffuse dall'Ufficio stampa dell'amministrazione Bianco di cui, come al solito, riportiamo il testo integrale senza aggiungere nulla, compresi errori di "codice" che in quasi 5 anni non sono riusciti a correggere.

Il videotestamento di Marina: “Anche in Italia si può morire senza dolore e con dignità”

Scomparsa ancora bellissima e lucidissima a 76 anni, Marina Ripa di Meana ha sempre vissuto sopra le righe ed anche nel momento in cui si è congedata ha voluto utilizzare ancora una volta il suo corpo e la sua sofferenza per lanciare un messaggio: non occorre andare all'estero per percorrere la strada estrema del "suicidio assistito" perché nella fase terminale della malattia è possibile farsi assistere da medici specialisti (anestesisti medici del dolore e palliativisti) che attraverso una sedazione profonda possono consentire un trapasso dignitoso indolore ed in ambito familiare. Tema delicatissimo da affrontare con serietà e consapevolezza, ma da affrontare con l'intento di divulgare il massimo delle informazioni utili rivolgendoci nei prossimi giorni ai massimi esperti di questo importante settore scientifico. Intanto: ciao Marina, ci hai fatto divertire con leggerezza, e grazie anche di quest'ultimo messaggio.

1 milione e 100mila euro destinati alla cultura a Sant’Agata Li Battiati

Riqualificare la biblioteca pubblica "G. Verga" e realizzare un piccolo teatro annesso. A questo serviranno il milione e 100mila euro che il sindaco Marco Rubino è riuscito ad ottenere partecipando ad un bando pubblico

L’occupazione della Cattedrale diventa caso nazionale: il Vescovo visita le famiglie

  Ad occuparsi della vicenda il giornale della Conferenza Episcopale Avvenire che lo porta in prima pagina. Visita dell'arcivescovo Gristina che, con mons. Barbaro Scionti ed i diaconi, ha benedetto le famiglie ospitate in cattedrale e portato pizze e dolcini. Cominciano ad essere pesanti i disagi per questa gente e qualcuno è anche finito in ospedale.

Caos Pubbliservizi: i sindacati denunciano “tagli agli stipendi degli operai e 260mila euro spesi in consulenze”

A ridosso di capodanno, il sindaco metropolitano Enzo Bianco manifestava tutta la soddisfazione per l'accordo di servizio firmato con la Pubbliservizi, partecipata della ex provincia. Ma Rita Ponzo, segretaria generale della Fisascat Cisl, lancia gravi accuse: "Non c'è alcun taglio ai super minimi, ma solo tagli agli stipendi degli operai. Nel bilancio ci sono consulenze per  260mila euro. Gravissimo poi scoprire che l'ufficio protocollo, dove passano documenti sensibili, venga presidiato da estranei che nulla hanno a che vedere con l'azienda" denuncia. Mentre Giuseppe Cottone, segretario provinciale della Fast - Confsal, spiega: "Le cifre non sono reali, cercheranno di recuperare soldi facendo tagli sui lavoratori. Non siamo state interpellati e non supporteremo l'azienda su queste scelte"

Continua la protesta delle famiglie in Cattedrale: “Dopo l’incontro il Comune ci ha abbandonato”

Sono già 37 giorni che i disperati di Librino, Pigno e San Giorgio vivono accampati dentro la Cattedrale di Catania in attesa di ricevere un aiuto concreto da parte dell'amministrazione comunale. Le 18 famiglie in protesta poco prima di Natale hanno incontrato Francesco Marano, il consulente per i rapporti istituzionali del sindaco Enzo Bianco, ma da quel momento nulla purtroppo è cambiato. Da Palazzo degli Elefanti nel frattempo, è arrivato solo l'obbligo di rimozione degli striscioni in vista delle festività natalizie e del concerto di Capodanno ospitato in piazza Duomo perché "violavano il decoro pubblico"

Bianco da Ciancio, Catania Bene Comune: “Scelta inopportuna e gravissima”

Il Movimento Civico di Matteo Iannitti lancia un durissimo attacco all'attuale sindaco che sceglie l'ufficio dell'editore-direttore-imprenditore per annunciare il (suo) proposito di ricandidarsi nel 2018. "Mario Ciancio, l'1 giugno di quest'anno, è stato rinviato a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa -afferma il movimento- Il 20 marzo 2018 si terrà la prima udienza del processo. Sono ad oggi costituite parti civili l'Ordine dei Giornalisti e la famiglia di Beppe Montana, poliziotto ucciso dalla mafia. Il Comune di Catania, per bocca del Sindaco, ha annunciato che "il Comune di Catania si costituirà parte civile nel processo a carico dell'imprenditore"

Trenitalia-Regione: Stop di Musumeci e Falcone al contratto, basta furbizie a spese dei siciliani

Il presidente della regione Nello Musumeci e l'assessore ai Trasporti Marco Falcone hanno raccolto le perplessità sul rinnovo del contratto da 1 miliardo per 10 anni con la società del gruppo Ferrovie dello Stato. Il governo regionale vuole vederci chiaro e garantire maggiori tutele agli interessi dell'utenza. Bene così.

In evidenza

Scandalo Capodanno di Bianco: 185 mila euro per roba copiata e strariciclata

Probabilmente questa è una storia grave. Ne abbiamo scritto prima e subito dopo, esprimendo tutte le perplessità per un'operazione che non ci convinceva. E abbiamo documentato con immagini e video l'effettiva consistenza di un evento sùbito spacciato dal sindaco Bianco come "internazionale"e che a noi è invece apparso alquanto banale: ma qui c'entrano i gusti personali e magari anche i pregiudizi che ci fanno guardare con sospetto tutto quanto compie chi consideriamo pessimo amministratore. Ma quando poi troviamo le prove documentali di cose strane ovviamente approfondiamo... e scopriamo che, acquistato dalla giunta Bianco come "ideazione e realizzazione esclusiva per il comune di Catania" con 185 mila euro sonanti dei poveri catanesi...di "ESCLUSIVO" ha poco...

Ma davvero hanno speso 185 mila euro per 65 minuti con 4 ballerini appesi a un filo e qualche proiezione?

Immancabile il comunicato del sindaco di Catania Enzo Bianco che definisce addirittura "evento internazionale" quanto accaduto nelle piazze Università e Duomo tra le 22.45 e le 24. Uno spettacolo che avrebbe potuto suscitare qualche simpatia se fosse stato di origine parrocchiale e, soprattutto, se non fosse costato ai cittadini catanesi la bellezza di 185 mila euro. Il video è stato diffuso dall'ufficio stampa del comune di Catania e quindi si suppone contenga le immagini più "spettacolari"(sic). C'eravamo e confermiamo: hanno speso davvero così 185 mila euro.

185 mila euro per 3 ore del Capodanno, Bianco ha scelto Valerio Festi. Again

Già per il capodanno dell'ormai lontanissimo anno 2000 l'allora sindaco Bianco aveva scelto Valerio Festi per uno spettacolo di piazza che ritorna, a distanza di quasi vent'anni, per salutare, oltre ad un disastroso 2017, gli ultimi mesi di un'amministrazione che ha precipitato Catania nella disperazione. "L'evento" costerà 185 mila euro, ai catanesi 145 mila euro oltre ad un contributo di una banca di altri 45 mila. La proposta di Festi risulta protocollata l'11 dicembre ed approvata dalla giunta Bianco il 12: rapidissimi! Un cavo d'acciaio unirà a 14 metri di altezza Palazzo degli Elefanti a Palazzo Chierici, ma i certificati di idoneità del materiale tecnico-meccanico allegati alla delibera di approvazione della giunta Bianco sono del...1999...

Guglielmo Ferro sul Capodanno a Catania: “Sempre pasta e cucuzza”

Il regista catanese, figlio degli indimenticati Turi Ferro e Ida Carrara, ci ha inviato una nota in cui esprime la delusione per la gestione della festa per il Capodanno approntata ancora una volta all'ultimo momento dall'amministrazione Bianco e costata 185 mila euro, un sentimento comune a molti cittadini ed ancor di più alla maggior parte degli artisti del territorio che si vedono imposte scelte incomprensibili da parte di un'amministrazione che continua imperterrita a privare la città di qualsiasi visione e identità.

Il Mercato Assicurativo italiano proiezioni per il 2018: in crescita i comparatori e le polizze on line

Il mercato assicurativo italiano per l’anno 2017 vede una chiusura decisamente interessante. Una crescita costante quella del mercato italiano che mostra numerose nuove immatricolazioni e una fetta di polizze digitali tra le più estese in Europa. In questo approfondimento confronteremo i dati di diversi studi e ricerche in questo ambito per comprendere come sarà proiettato il mercato delle polizze rc auto nei prossimi mesi del nuovo anno e daremo uno sguardo anche un po’ più in là nel tempo.

Confambiente: nominato Dirigente Generale Dipartimento Aque e Rifiuti, Salvo Cocina

"Confambiente esprime la propria soddisfazione per la nomina del neo Dirigente Generale del Dipartimento Acque e Rifiuti, quale persona di elevato livello professionale nel settore ambientale e contestualmente si congratula col Presidente della Regione Siciliana per aver conferito fiducia alla meritevole figura dell’Ingegnere Salvo Cocina".

Volley Catania, la denuncia del vice presidente Luigi Pulvirenti: “Al PalaCatania continua a piovere dentro!”

Luigi Pulvirenti, giornalista, scrittore e vice presidente della gloriosa squadra di pallavolo militante in A2, affida con garbo alla sua pagina FB un breve quanto amaro sfogo sulle incredibili condizioni in cui versa il palazzetto comunale costato milioni di euro"Dobbiamo allenarci con i bidoni in mezzo al campo per raccogliere l'acqua che piove dal tetto". Eppure la società sportiva ha da tempo donato al comune un progetto per poter ottenere i necessari finanziamenti sportivi. Ma il capo di questa amministrazione è troppo impegnato a rilasciare macchiettistiche interviste elettorali in cui propaganda molto più che balle spaziali mentre la realtà è tutta nei fatti: Piove all'interno degli edifici sotto la responsabilità dell'amministrazione Bianco! Ed è assurdo! IL VIDEO DELLA VERGOGNA

La Befana di Emergency Catania per il Centro di maternità di Anabah

I volontari di Emergency Catania presentano l’iniziativa “LA BEFANA PER EMERGENCY”, giunta alla sua terza edizione. Concerto con canti popolari da tutto il mondo e tradizionali melodie natalizie eseguiti dal Coro Polifonico "Freedom", diretto dal Maestro Nino Faro. L'evento si terrà domenica 7 Gennaio presso la Chiesa di San Camillo di Catania, in via Crociferi alle ore 18:30. L'ingresso è a offerta libera. Seguirà una degustazione dei prodotti offerti da Fratelli Pistone e dei dolci preparati dai volontari. Tutto il ricavato delle donazioni sarà devoluto al Centro di Maternità di Anabah, Afghanistan, di Emergency.

La Federazione Nazionale della Stampa sulla sentenza che condanna l’amministrazione Bianco per la vicenda Molino

Durissima presa di posizione del Segretario Generale aggiunto Carlo Parisi: " Triste che cio' avvenga in un Comune amministrato da un ex ministro dell'Interno (Enzo Bianco, ndr) che dovrebbe, invece, tenere sempre alta la bandiera della legalita', della giustizia e della dignita' dei lavoratori...sprone a denunciare i propri aguzzini". Il comune di Catania, difeso nel processo dall'avv. Francesco Andronico, nominato da Enzo Bianco nonostante svolga l'incarico retribuito di componente dell'Organo Indipendente (SIC!) di Valutazione proprio sui dipendenti (circostanza che pare stia ponendo qualche problema in fase di accertamento), è stato condannato al reintegro nelle funzioni di redattore capo del giornalista Sebastiano Molino ingiustamente impedito di svolgere il lavoro per il quale era inquadrato e ad un risarcimento da quantificare. A spese dei catanesi, ovviamente.

Arcidiacono:”Debito del Comune supera il miliardo di euro. Nel 2016 creato un “buco” di 316 milioni di euro”

Situazione gravissima e proseguono le reazioni alla bocciatura dei dati contabili dell'amministrazione Bianco. Pesante la denuncia del vice presidente vicario del consiglio comunale Sebastiano Arcidiacono che, tra l'altro, nei giorni aveva provato a convocare il sindaco in conferenza dei capi gruppo per discutere delle azioni da compiere a fine consiliatura, ottenendo solo una richiesta di rinvio. Ricordiamo che Bianco in 5 anni si è presentato in Consiglio Comunale, costretto, solo una volta disattendendo l'obbligo di legge di relazionare almeno ogni sei mesi. 

Copertina

Caso Molino: il Comune condannato dal tribunale del lavoro “il giornalista sia rimesso al suo posto”

Il giornalista Nuccio Molino "ha subito un illegittimo demansionamento dal 24 luglio 2013 alla data di deposito del ricorso" e per questo il Comune di Catania è "condannato a destinare il ricorrente all'espletamento delle mansioni corrispondenti alla qualifica posseduta (redattore capo) ovvero all'Area di inquadramento (D)". Una nuova, pesante sconfitta per il Comune di Catania, stavolta certificata dal giudice del lavoro Caterina Musumeci che ha respinto la difesa dell'avvocato "esterno" Andronico, rappresentante dell'amministrazione Bianco, accogliendo invece le tesi dell'avvocato Sergio Cosentino difensore del dr. Molino . La causa era stata intentata dal giornalista che dal 15 luglio del 2013 era stato lasciato dall'amministrazione comunale in uno stato di forzata inattività. Il Comune ha resistito alla richiesta sostenendo di avere seguito la legge nella riorganizzazione dell'Ente

L’ultima assurdità di Crocetta & C.: 900 milioni in meno di crediti alle imprese per fare contento Pif

Rischia di accadere questo venerdì alle 11, ora di convocazione dell'assemblea dei soci dell'IRFIS. L'operazione è di quelle così demenziali, quanto irresponsabili, da non credere che siano realizzabili da persone con un minimo di cervello. Anche questa vicenda è il sintomo drammatico di una classe dirigente incompetente e sconclusionata, sempre pronta ad entrare in confusione per assecondare gli umori delle telecamere, salvo combinare danni incalcolabili. In sintesi, il governo Crocetta, lo scorso aprile, sotto la pressione mediatica magistralmente orchestrata (giustamente) dal bravo Pif a tutela dei disabili gravissimi, decide un'operazione suicida per l'economia siciliana: togliere 53 milioni alla "banca regionale" IRFIS per finanziare il "fondo disabili": l'operazione più cretina della storia!

Gli auguri di Natale di Emiliano Abramo: “Catania torni ad essere Comunità”

La Comunità di Sant'Egidio è impegnata in uno momenti clou dell'attività annuale: il pranzo di Natale all'interno della chiesa di Santa Chiara, in via Garibaldi 89. Decine di tavoli apparecchiati, centinaia di coperti: una straordinaria Famiglia che si stringe nella gioia della Natività, convinta che solo Gioia, Solidarietà e Fratellanza potranno cambiare questo mondo diventato troppo infame. Principi, valori, parole d'ordine di cui respiri tutta l'autenticità, tanto da fare breccia in personalità profondamente laiche, agnostiche, liberali e persino libertine come chi scrive: il messaggio è potente e riesce a sedere alla stessa tavola persone profondamente diverse per cultura, origine, estrazione sociale. Tutti uguali nelle proprie differenze senza retorica, grande rispetto reciproco per le rispettive umanità, nessun gradino tra chi serve e chi viene servito, in uno scambio di sguardi che non è ovvia gratitudine ma semplice condivisione di un percorso che ci vede tutti sulla stessa strada: da superare insieme.

Fotonotizia: La stampa diserta gli auguri del sindaco “di Catania e metropolitano” Enzo Bianco

Davvero pochini i giornalisti che hanno aderito all'invito per gli auguri del "sindaco di Catania e metropolitano" Enzo Bianco. All'indomani della condanna subìta dall'amministrazione Bianco con una pesante sentenza del Tribunale del Lavoro che ha accertato le violazioni relative alla gestione dell'Ufficio Stampa del comune di Catania ed in attesa che si chiarisca la vicenda dell'indagine penale in corso sul cosiddetto "Ufficio Stampa abusivo", il sindaco "di Catania e metropolitano" (come ormai ama definirsi nelle comunicazioni ufficiali), aveva invitato i giornalisti per gli auguri a Palazzo degli Elefanti. Adesioni sintomatiche. Basta la foto di rito, diffusa dall'Ufficio Stampa del comune, per comprendere il livello del rapporto tra il "sindaco di Catania e metropolitano" Enzo Bianco e l'Opinione Pubblica della città.  Se non è un'umiliazione, poco ci manca.

Il “Bianco” Natale del Comune di Catania sempre ” a cura di…”

Repetita iuvant…sed continuata secant. E noi, seguendo il saggio esempio degli avi, ripetiamo a chi continua pervicacemente a percorrere logore strade con la certezza che in alto loco nulla cambierà. Ed eccoci a Natale occasione d’oro per il Comune di Catania, così come avviene per la c.d. Estate Culturale (tale pomposamente battezzata), di mostrare tutta l’incapacità creativa ed organizzativa che contraddistingue il massimo ente autarchico locale, retto ancora dall’uomo delle inaugurazioni, l’immarcescibile Bianco mani di forbici

Una borsa di studio dedicata al giornalista catanese Mario Petrina

Mario, che abbiamo conosciuto bene, indimenticato presidente nazionale dell'Ordine per due mandati, per anni ai vertici degli organismi di categoria, è stato punto di riferimento per generazioni di suoi colleghi cui ha sempre dedicato tutta la sua umanità e generosità. Caporedattore RAI, è stato per anni il volto catanese della popolarissima trasmissione 90° Minuto. Adesso lo ricorda con un bel tributo l'associazione dei giornalisti in pensione che gli dedica una borsa di studio per giovani aspiranti professionisti del settore sportivo.

Confisca della DIA ad esponente mafioso del clan “Ragaglia” di Randazzo

Gli uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Catania, diretta dal 1° Dir. della Polizia di Stato dott. Renato Panvino, stanno eseguendo il decreto di confisca nei confronti di Francesco ROSTA, 74enne elemento di vertice della famiglia mafiosa “Ragaglia” egemone nel comune di Randazzo (CT) e collegata alla famiglia mafiosa “Laudani” di Catania.

Speciale

Ma questi sono proprio animali!

I sogni culturali (rimasti nei cassetti) del...

Vigili del fuoco. Mense ridotte, i sindacati...

Cronaca

Una Rondine non fa primavera. La prima...

Ospedale Santa Marta tra sporcizia e spazi...

Violenza di Stato sui migranti a Catania:...

Eventi

“Japan, Flight Maps 2018”: la mostra di...

“La solidarietà è partita”: attori, calciatori e...

William Shakespeare nel carcere di Bicocca

Sport

Incendio Club House Briganti Librino: continua la...

Caos Sport: Arancio e Falzone consulenti di...

Catania, impianti sportivi. Giuseppe Berretta: “Il comune...

Al voto

Caos 5 Stelle, Giarrusso: “Nessun caso, solo...

Parlamentarie M5S: caos sulle candidature tra esclusi...

Bianco da Ciancio, Catania Bene Comune: “Scelta...

Login Digitrend s.r.l